Simone di Saintjust

Facendo riferimento a quanto già risposto, desidero meglio sapere se la quota spettante al pretermesso passa direttamente al fratello e ai suoi discendenti. quindi, complessivamente due terzi. è così? Altrimenti, se il pretermesso rinuncia alla eredità – ma quale eredità se è stato escluso nel testamento – subentrano i suoi figli. Vi prego di essere più puntuali e precisi.

Ipotizzando il momentaneo disinteresse del creditore a procedere giudizialmente, il debitore chiamato all’eredità potrebbe impugnare il testamento e promuovere azione di riduzione per violazione della quota di legittima: rinunciando successivamente a favore dei propri discendenti, se ve ne sono. In questo contesto si è parlato di rinuncia del debitore.

In caso di disposizione testamentaria, con coniuge premorto, i 2/3 della massa ereditaria vanno divisi fra i due figli, 1/3 (quota disponibile del de cuius) può essere attribuito al figlio non debitore.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca