Lilla De Angelis

Le informazioni legate ad eventi negativi provenienti da fonti pubbliche, nel caso di atti pregiudizievoli ed ipocatastali, hanno una permanenza in Centrale Rischi pari a dieci anni dalla data della loro trascrizione o iscrizione, salva l’eventuale loro cancellazione (estinzione pignoramento, ipoteca) prima di tale termine, nel qual caso verrà conservata per un periodo di due anni l’annotazione dell’avvenuta cancellazione (articolo 7, punto 4, lettera b, del Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento dei dati personali effettuato a fini di informazione commerciale di cui al provvedimento del Garante numero 479/2015).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.