Roberto Petrella

L’articolo 72 bis del dpr 602/1973 concede facoltà all’agente della riscossione di notificare al datore di lavoro del debitore inadempiente (direttamente e senza passare per il giudice come avviene quando il credito da riscuotere non è vantato da una Pubblica Amministrazione) l’ordine di pagare il credito direttamente al concessionario, fino a concorrenza del credito per cui procede.

Naturalmente. l’ordine diretto può essere notificato al datore di lavoro decorsi 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale in assenza di adempimento del debitore.

Ora se lei ha ricevuto un avviso di intimazione al pagamento (quella che lei chiama richiesta di pagamento, successivo alla notifica della cartella esattoriale, notifica che può essere stata perfezionata anche per compiuta giacenza in occasione di una sua temporanea assenza dal luogo in cui vive – dunque a sua insaputa) il comportamento di Abaco è pienamente legittimo.

Altrimenti ha tutte la ragioni per lamentarsi con il Garante per la protezione dei dati personali.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca