Paolo Rastelli

Se fosse rimasto in Italia, non adempiendo al pagamento delle cartelle esattoriali notificate, lei rischierebbe sicuramente il pignoramento del conto corrente o il pignoramento presso terzi (presso il datore di lavoro in caso di prestazione da lavoratore dipendente, presso i committenti qualora lei esercitasse attività professionale).

Vivendo in Messico, dovrebbe trovarsi, praticamente, in una situazione di relativa immunità dalle azioni di riscossione coattiva messe in atto da Agenzia Entrate Riscossione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.