Tullio Solinas

La normativa vigente stabilisce che il datore di lavoro è tenuto a comunicare il licenziamento in forma scritta e la giurisprudenza, in più occasioni, ha ribadito che il licenziamento verbale (orale o a voce) è inefficace.

In altre parole, il licenziamento comunicato solo a voce non produce alcun effetto e, in particolare, non interrompe il rapporto di lavoro tra le parti, sicché il datore di lavoro deve, nel frattempo, continuare a erogare la busta paga al lavoratore.

Lei deve immediatamente inviare al datore di lavoro una raccomandata A/R (preferibilmente in piego cartaceo) dichiarando di essere a disposizione per la ripresa immediata dell’attività, e riportando l’episodio e il nome del soggetto che l’ha allontanata dal posto di lavoro licenziandola verbalmente. Altrimenti, il datore di lavoro potrebbe asserire che lei si sia assentata volontariamente, ed ingiustficatamente, dal posto di lavoro.

Poi, sarà necessario iscriversi ed affidarsi ad un sindacato dei lavoratori che opera sul territorio in cui lei risiede.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca