Genny Manfredi

La studentessa iraniana, non producendo reddito che la renda economicamente indipendente, fa parte del nucleo familiare dei suoi genitori iraniani, almeno per quel che attiene la Dichiarazione Sostitutiva Unica per la determinazione dell’Indice della Situazione Economica Equivalente, DSU/ISEE, per l’Università.

Se la studentessa iraniana non è in grado di attestare il reddito percepito dai genitori, l’Università è legittimata ad applicare la tassazione massima, senza sconti o benefici.

Tuttavia, nel caso in cui, considerando anche i redditi del coniuge, siano soddisfatte le due condizioni di autonomia (residenza in Italia da oltre due anni, lontano dai propri genitori, e reddito della coppia coniugata di oltre 6.500 euro), la studentessa non deve essere attratta nel nucleo familiare dei genitori iraniani.

In tale ipotesi l’INPS ritiene possibile far riferimento, nella DSU ai fini ISEEU, al solo nucleo familiare che lo studentessa forma con il proprio coniuge e con i familiari conviventi di quest’ultimo (compilando coerentemente il Quadro A senza inserire nel quadro C anche i dati della DSU dei suoi genitori).

L’interpretazione autentica dell’articolo 8 comma 2, del DPCM 159/2013 è stata fornita dall’INPS nella FAQ MB2_10 del 14 ottobre 2015.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca