Giovanni Napoletano

Gli hacker stanno prendendo di mira gli utenti con un conto presso la Banca Nazionale del Lavoro (BNL): la tecnica è la classica utilizzata nelle campagne di email phishing, ma, oltre che per posta elettronica, circola su whatsapp e via SMS.

La BNL ha rilasciato diverse informazioni sul proprio sito in merito a queste truffe online destinate ai suoi clienti.

La banca informa i propri clienti tramite dei messaggi di posta elettronica, ma solo con un contatto diretto, allo sportello, tra gli operatori BNL e i correntisti.

Gli hacker sono stati molto bravi a ricreare alla perfezione i messaggi di posta elettronica come se fossero stati inviati dalla Banca Nazionale del Lavoro.

Inoltre, i cybercriminali si sono accorti che gli utenti stanno iniziando a riconoscere i tentativi di phishing via email e per raggirare gli utenti e farli cadere in trappola stanno cominciando, o meglio riprendendo, ad utilizzare le truffe via SMS.

Pur essendo abbastanza passato di moda, infatti, l’SMS è visto come qualcosa di più personale, perché inviato al nostro numero di telefono.

Il testo contiene un link sul quale cliccare per essere reindirizzato a un falso sito della nostra banca dove inserire le proprie credenziali per accedere al conto corrente online.

Una volta inseriti i dati non entreremo nel portale della nostra banca ma visualizzeremo un messaggio di errore.

Nel frattempo i avranno registrato i nostri dati e svuotato i nostri conti.

Lo stesso sistema è molto in voga anche su WhatsApp.

Capire che si tratta di una truffa non è complicato.

Se la BNL non vi contatta via email per compiere operazioni importanti perché dovrebbe farlo in maniera ancora più informale con un messaggio su WhatsApp?

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca