Andrea Ricciardi

La visita medica per accertare il permanere delle condizioni di idoneità psicofisica, al fine del rinnovo della patente è anch’essa, come le altre, soggetta alla detrazione dall’Irpef nella misura del 19%.

Le spese sostenute per visite mediche generiche, specialistiche, chirurgiche danno diritto alla detrazione dall’Irpef nella misura del 19%, indipendentemente dal luogo o dal fine per il quale vengono effettuate (articolo 15, comma 1, lettera c, del Tuir).

Tra queste rientrano a pieno titolo anche le spese per la visita medica necessaria per il rinnovo della patente di guida che sono pertanto detraibili, analogamente a quelle sopportate per ottenere certificati di idoneità.

Infatti, sono detraibili le spese mediche per:

  • prestazioni di un medico generico (compreso l’omeopata) e per l’acquisto di farmaci, anche omeopatici;
  • prestazioni specialistiche, analisi e terapie;
  • prestazioni chirurgiche e ricoveri;
  • acquisto o affitto di protesi o attrezzature sanitarie;
  • assistenza specifica;
  • patologie esenti di familiari non a carico;
  • mezzi necessari per l’accompagnamento, la deambulazione, la locomozione, il sollevamento, e per sussidi tecnici informatici per soggetti portatori di handicap;
  • acquisto di auto o moto per soggetti portatori di handicap;
  • acquisto di cani guida per i non vedenti.

La visita medica della patente rientra nel primo punto, cioè nelle prestazioni di un medico generico, autorizzato a rilasciare un certificato di idoneità per qualsiasi motivo.

Per poter usufruire della detrazione fiscale del 19% sulla spesa per la visita medica della patente occorre presentare la ricevuta insieme al resto della documentazione (fatture, ricevute, scontrini della farmacia, ecc.).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca