Giovanni Napoletano

Come noto, il conguaglio è il conteggio della parte mancante o eccedente rispetto ad una somma dovuta poiché sempre più spesso le bollette vengono fatturate sulla base dei consumi presunti e l’importo che viene pagato non si riferisce ai consumi effettivi ma a quelli stimati: a fine anno, una volta effettuata la lettura dei consumi reali, arriva una bolletta di conguaglio in cui è specificato se sarà il fornitore a restituire una somma pagata in eccedenza rispetto ai reali consumi, oppure (più frequente) pagare i consumi mancanti.

Ma come è possibile difendersi dai maxi conguagli?

il fenomeno delle super bollette e dei conguagli è una delle problematiche più frequenti, e più fastidiose per i consumatori: è dovuto principalmente, da un lato, ai blocchi di fatturazione che possono riguardare i sistemi di alcune grandi aziende del settore e, dall’altro, dalle difficoltà, dai ritardi e dagli errori di comunicazione tra i distributori locali (i soggetti che si occupano della gestione dei contatori e delle reti di elettricità, gas e acqua) e i venditori (i soggetti che fatturano i consumi e ci inviano a casa le bollette).

Il settore gas è quello che risente maggiormente del fenomeno non essendo ancora molto diffusi i contatori elettronici telegestiti (in grado di comunicare automaticamente i consumi) che i distributori installeranno da qui in avanti.

E’ possibile, quindi, che, a seguito di una autolettura comunicata dal cliente o della rilevazione della lettura da parte del distributore locale o a seguito del cambio del misuratore, vengano emessi maxi conguagli che vanno a fatturare tutti i consumi non precedentemente addebitati.

Fortunatamente è da poco entrata in vigore la legge che prevede la riduzione da 5 a 2 anni del periodo di prescrizione per questo tipo di bollette.

Comunque, nel caso di ricezione di una maxi bolletta o di un conguaglio è fondamentale attivare il prima possibile le azioni di tutela formali per:

  • verificare la correttezza delle letture riportate in fattura e, in caso di errori, contestarla con un reclamo scritto
  • gestire la pratica direttamente con l’azienda anche grazie ai canali diretti esistenti;
  • se i consumi superano il periodo previsto per la prescrizione eccepirla e verificare lo storno degli importi non dovuti;
  • gestire le eventuali azioni successive, in particolare le procedure di conciliazione paritetica o presso il servizio di Conciliazione dell’Autorità dell’Energia(Arera).

Inoltre, è bene sapere che per quanto riguarda il gas, ad esempio, per contratti in maggior tutela (chi non ha scelto una fornitura in mercato libero) con consumi annuali inferiori a 500 smc, la lettura deve essere effettuata una volta l’anno, e l’intervallo tra due letture consecutive non può essere inferiore a 6 mesi o superiore a 13 mesi.

Vi è una sola eccezione a questa regola, ovvero quando il distributore dimostra di non aver potuto effettuare la lettura periodica in quanto il contatore era inaccessibile (ad es., perché situato all’interno dell’abitazione e l’utente era assente).

L’utente ha inoltre il diritto di ricevere periodicamente le bollette dei consumi di energia elettrica.

In più, l’utente in maggior tutela ha diritto a fatture quadrimestrali se ha consumi annuali inferiori a 500 smc, e fatture trimestrali se ha consumi annuali tra 500 e 5000 smc ha invece diritto a fatture trimestrali, mentre l’utente del mercato libero dovrà fare riferimento al contratto per conoscere la periodicità.

In ogni caso, il consumatore ha diritto a ottenere comunque la rateizzazione degli importi dovuti per l’intero periodo di mancato recapito delle fatture, purché ne faccia richiesta prima della scadenza della fattura di conguaglio.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca