Andrea Ricciardi

Sappiamo bene che quando si riceve una cartella esattoriale dall’Agenzia delle Entrate-Riscossione, e si vuole pagare il debito a rate, è possibile farlo in modo semplice e veloce inviando la richiesta con raccomandata oppure presentandola allo sportello competente per territorio (indicato in cartella) o anche online, per importi fino a 60 mila euro.

Ma non è sempre così.

In tutte quelle ipotesi in cui Comuni e Regioni non hanno autorizzato l’esattore a concedere dilazioni, infatti, quest’ultimo non può autorizzare le istanze di rateazione, dunque non rimane che rivolgersi all’ente stesso.

In questo senso si è espressa anche la Corte di Cassazione con una recente sentenza, la 440/2018.

A parere degli Ermellini, in mancanza di facoltà di dilazionare il pagamento da parte dell’amministrazione finanziaria titolare del credito, l’agente della riscossione non può concedere il versamento a rate dei tributi iscritti a ruolo.

Dunque, in linea generale, l’Agente della Riscossione può accogliere le richieste di rateizzazione, ma non può essere obbligato a farlo, in special modo se l’ente creditore è di diverso avviso

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca