Piero Ciottoli

Possibile ma non conveniente per Plusvalore: il ricavato di una eventuale vendita all’asta, infatti, verrebbe adesso assegnato alla banca munita di privilegio ipotecario, fino a soddisfacimento del credito residuo.

Più verosimilmente, Plusvalore si limiterà ad iscrivere sull’immobile di proprietà del debitore un’ipoteca secondaria e resterà alla finestra fino a quando il puntuale pagamento delle rate del mutuo, con la contestuale contrazione del capitale a debito, magari accompagnato da un auspicato aumento del valore del bene ipotecato, le consentiranno di esperire una fruttuosa azione di pignoramento ed espropriazione finalizzata al recupero del credito vantato.

Oppure, cederà a terzi il proprio credito.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca