Patrizio Oliva

Se il de cuius lascia testamento può liberamente assegnare 1/4 a chi vuole (anche al coniuge superstite, ad uno solo dei due figli, o al primo che passa), mentre un quarto tocca al coniuge e a ciascuno dei due figli (quote di legittima).

In questa ipotesi, ad esempio, il coniuge superstite potrebbe ottenere la metà dell’immobile ed un quarto potrebbe andare a ciascuno dei due figli: non ci sarebbe nulla da eccepire.

Se, invece, non c’è testamento, l’immobile viene ripartito con la quota di un terzo a ciascuno degli eredi (coniuge superstite e i due figli).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca