Ornella De Bellis

Attenzione » il contenuto di questa discussione è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento del topic relativo all'intera discussione.

Il commercialista, molto probabilmente, basa la sua scelta sul fatto che la cartella esattoriale intestata all’erede e consegnata all’agente della riscossione dopo il 30 settembre 2017 sia comunque soggetta a possibile definizione agevolata da parte dell’erede, se lo era quella destinata al defunto.

Ma se così non fosse, se l’erede non avesse più diritto alla definizione agevolata, pur evitando per legge il pagamento delle sanzioni, sarebbe comunque obbligato al pagamento degli interessi moratori.

Io trovo giuste e molto sensate le considerazioni da lei qui svolte, ed avendo la possibilità di adempiere, non ricorrendo problematiche di quote da ripartire con altri coeredi, provvederei senz’altro a pagare entro il 7 dicembre i bollettini ricevuti da suo padre.

Comunque, le suggerisco di consultarsi prima con il suo commercialista, in quanto è sempre possibile che lui sia a conoscenza di fatti e circostanze, a lei ignoti, che farebbero preferire di attendere la notifica di una nuova cartella esattoriale all’erede.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.