Simone di Saintjust

Mi spiace signora, ma le sue ragioni, fermi restando l’avvio della riscossione coattiva avviata con l’atto di precetto e lo sfratto esecutivo ormai deciso dal giudice, potrebbero essere fatte valere solo in un giudizio per risarcimento dei danni eventualmente da lei patiti per le condizioni ambientali in √® stata costretta a vivere.

Ma si tratta di un’azione che non risolverebbe comunque le contingenti esigenze oltre a richiedere un ulteriore esborso di denaro per un esito, peraltro, incerto.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.