Marzia Ciunfrini

Il diritto di abitazione nella casa di sua proprietà, concesso al coniuge successivamente alla trascrizione della domanda giudiziale che grava sull’immobile, in caso di pignoramento ed espropriazione del bene, resta una questione, per quel che concerne la perdita del diritto, che va regolata, esclusivamente, fra lei e sua moglie.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.