Simone di Saintjust

C’è poco da fare, purtroppo: l’organismo di composizione della crisi dovrebbe proporre, e i creditori dovrebbero accettare a copertura dell’esposizione debitoria, un importo al netto delle tasse dovute all’Agenzia delle Entrate (magari valutate a forfait) per la plusvalenza realizzata con la vendita dei beni indicati nell’accordo.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.