Lilla De Angelis

Non si tratta assolutamente di un obbligo: il creditore preferisce questo tipo di soluzione in quanto, qualora il debitore risultasse inadempiente, potrebbe protestare la cambiale e avviare immediatamente un’azione esecutiva (pignoramento stipendio o pensione, pignoramento conto corrente) senza essere costretto, dalla procedura di recupero crediti giudiziale, a dover chiedere un decreto ingiuntivo al Tribunale.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.