Giuseppe Pennuto

La notifica di un atto non effettuata nel luogo di abitazione del destinatario nel suo Comune di residenza (come risultante dal certificato anagrafico), ma nel diverso luogo di abitazione di un parente stretto, che lo ha ricevuto in tale qualità, è viziata da nullità. Anche se il luogo di notifica corrisponde al vecchio indirizzo di residenza del destinatario.

Così si è espressa la Suprema Corte di cassazione con la sentenza 7200/16.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.