Lilla De Angelis

Una volta in possesso di un decreto ingiuntivo emesso dal giudice in suo favore, potrà aggredire i beni della società (immobili, conti correnti, arredi, veicoli, impianti di produzione, eccetera) fino al soddisfacimento del credito.

Qualora l’azione esecutiva nei confronti della società dovesse risultare infruttuosa o incapiente, potrà escutere i singoli soci, tuttavia nei limiti della quota capitale da ciascuno eventualmente non ancora versata.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.