Annapaola Ferri

Il rateo mensile della pensione maturato e non ancora versato al pensionato deceduto, viene corrisposto al coniuge superstite o, in mancanza di questi, agli eredi e comprende anche la parte di tredicesima maturata fino alla data del decesso e le eventuali somme spettanti e non riscosse dal pensionato.

In base alle norme vigenti sulla successione, in mancanza del coniuge, il rateo e’ corrisposto ai figli viventi al momento della morte del pensionato. In mancanza di coniuge e figli, il rateo va agli altri eredi legittimi.

I ratei di pensione (compreso quello relativo alla tredicesima mensilità) sono corrisposti al coniuge superstite o ai figli del defunto iure proprio e non per diritto di successione e quindi non comportano accettazione tacita dell’eredità.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.