Ludmilla Karadzic

Se, come ipotizzato, A facesse una voltura del contratto di elettricità a B (che non è residente a Milano) e viceversa B facesse una voltura del contratto di elettricità ad A (che non è residente a Roma), A e B si troverebbero intestatari di due contratti di fornitura di energia elettrica per uso non residente.

Certamente A e B non sarebbero soggetti al pagamento del canone, ma subirebbero gli aggravi (costo del kWh e tasse) per l’applicazione della tariffa D3, rivolta al cliente non residente (si parla normalmente di seconde case).

Non credo si tratti di un buon affare.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca