Lilla De Angelis

No, attenzione, la risposta alla sua precedente domanda dice tutt’altro: la possibilità di azione revocatoria, dell’atto di compravendita perfezionato dal debitore, resta immutata per il creditore (può essere esercitata entro cinque anni dal rogito).

Inoltre, Il creditore che sia pregiudicato da un atto del debitore, di costituzione di vincolo di indisponibilita’ o di alienazione, che ha per oggetto beni immobili o mobili iscritti in pubblici registri, compiuto a titolo gratuito successivamente al sorgere del credito, puo’ procedere, munito di titolo esecutivo, a esecuzione forzata, ancorche’ non abbia preventivamente ottenuto sentenza dichiarativa di inefficacia, se trascrive il pignoramento nel termine di un anno dalla data in cui l’atto e’ stato trascritto. La disposizione di cui al presente comma si applica anche al creditore anteriore che, entro un anno dalla trascrizione dell’atto pregiudizievole, interviene nell’esecuzione da altri promossa.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.