Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto

Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi.

Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo.

In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento.

Decorso tale termine, il creditore entro 90 giorni (se non vuole vedere andare in fumo anche i soldi ed il tempo spesi nell'ottenimento del decreto ingiuntivo) dovrà procedere, ad esempio, al pignoramento dello stipendio del debitore presso il datore di lavoro.

Per fare una domanda agli esperti vai al forum

7 settembre 2013 · Simone di Saintjust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su riscossione coattiva dei crediti – decreto ingiuntivo e precetto. Clicca qui.

Stai leggendo Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 7 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria decreto ingiuntivo opposizione a decreto ingiuntivo e al precetto opposizione ad esecuzione e agli atti esecutivi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • dome1555 9 aprile 2015 at 07:56

    Quando il creditore può notificare direttamente il “precetto” senza passare dal ” decreto ingiuntivo” ?
    Grazie, Domenico

    • Ludmilla Karadzic 9 aprile 2015 at 10:41

      Il codice civile prevede, oltre ai decreti ingiuntivi, i seguenti titoli esecutivi, in base ai quali è possibile ottenere un precetto:

      1. sentenza passata in giudicato, cioe’ quelle che la parte perdente non ha impugnato entro i termini previsti dalla legge (ad esempio, le sentenze del Tribunale quando non sia stato proposto appello nei trenta giorni dalla notifica);
      2. alcune ordinanze del giudice;
      3. il verbali di conciliazione fra le parti;
      4. licenze e sfratti convalidati ex art.663 c.p.c.;
      5. scritture private autenticate, relativamente alle obbligazioni di somme di denaro in esse contenute;
      6. cambiali non pagate alla scadenza e assegni emessi senza provvista;
      7. atti redatti da notaio o da altro pubblico ufficiale ma solo per obbligazioni di somme di denaro.


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca