Indice del post e' discussione aperta sulla riforma delle pensioni: vediamoci chiaro

L'esecutivo vuole modificare il sistema pensionistico, riformando l'assetto delle condizioni per l’accesso richieste dalla Riforma Monti-Fornero del 2012. Per quanto riguarda il tema delle pensioni, come sappiamo, la riforma Fornero ha introdotto criteri più rigorosi del passato, adeguandosi tra l’altro alla direttiva Ue che impone che uomini e donne vadano in pensione alla stessa età. Comunque, di riforma delle pensioni si parla ormai da tempo e, al momento, [ ... leggi tutto » ]

La riforma delle pensioni Monti-Fornero, costituisce il più recente intervento di grande portata in materia di pensioni, in Italia. Dal 1° gennaio 2012 è entrata in vigore la riforma delle pensioni, che ha determinato pensioni di vecchiaia con requisiti più elevati, assegni con il contributivo anche per coloro che avevano conservato il più vantaggioso metodo retributivo, sostanziale cancellazione per le pensioni di anzianità. La riforma ha cancellato la possibilità di andare in pensione col sistema delle quote, e introdotto la pensione anticipata, che consente di andare in pensione prima dell'età di vecchiaia solo se si superano i 41 anni [ ... leggi tutto » ]

Vi presentiamo, prima di venire al tema principale della riforma, una breve panoramica di tutte le novità sulle pensioni previste dalla Legge di Stabilità 2015. In particolare, con la legge di stabilità del 2015 è stato stabilito un tetto alle pensioni d’oro di chi resta al lavoro più a lungo, niente decurtazione delle pensioni anticipate fino al 2017 per chi ha maturato il requisito contributivo pieno, erogazione assegno il 10 del mese per titolari di più prestazioni a carico dell’INPS, aumento tassazione sulla previdenza privata, novità per pensionati vittime del terrorismo o esposti all'amianto. Per chi resta al lavoro [ ... leggi tutto » ]

Una circolare dell'Inps relativa a un decreto del Tesoro ha chiarito che dal 2016 serviranno quattro mesi in più per accedere al beneficio della pensione. L’aggiornamento, previsto dalla legge, serve ad adeguare i requisiti previdenziali all'aspettativa media di vita. Ad oggi queste revisioni hanno cadenza triennale, ma dal 2019 in poi diventeranno biennali. Tirate le somme, si ricava che dall'anno prossimo i requisiti per andare in pensione cambieranno in questo modo: Pensione di vecchiaia Per gli uomini, oltre ad almeno 20 anni di contributi, dal 2016 serviranno 66 anni e sette mesi di età (non più 66 anni e [ ... leggi tutto » ]

Come accennato, una delle problematiche maggiormente sofferte è senza dubbio quella delle pensioni: a causa della Riforma Monti-Fornero, infatti, l’accesso alla quiescenza si è notevolmente allungato. Questa situazione, unita alla persistente crisi economica, ha causato il formarsi di un numero ingente di dipendenti espulsi dalle aziende, troppo anziani per competere nel mercato del lavoro, ma troppo giovani per accedere alla pensione. Solo una parte di questi soggetti è stata tutelata, mediante le cosiddette “salvaguardie”: si tratta di normative che hanno permesso l’accesso alla pensione con i vecchi requisiti ai dipendenti noti come “esodati”, ovvero a chi, uscito dal lavoro [ ... leggi tutto » ]

Riforma pensioni 2015 e iter anti-Fornero: continua a registrare temperature elevatissime il dibattito in tema di riforma pensioni 2015 e Legge Fornero. Sono molte, a dire il vero, le proposte per modificare la riforma delle pensioni targata Fornero. La modifica più in voga resta quella dell'introduzione nel sistema di elementi di flessibilità che permettano a chi ha 62 anni di anzianità e 35 di contributi di accedere alla pensione con una leggera penalizzazione. Così come si ritiene che sia giusto che chi ha 41 anni di servizio alle spalle, indipendentemente dall'età anagrafica, possa lasciare il lavoro. Altre idee di [ ... leggi tutto » ]

27 marzo 2015 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Spunti di discussione dal forum

Pignoramento di stipendi, pensioni e conti correnti – Il decreto legge 83/2015
Con l'entrata in vigore del decreto legge 83/2015 che detta nuove regole sulla pignorabilità di pensioni e stipendi, chiedo se sia cambiato qualcosa per quanto riguarda pignoramenti concorrenti sullo stesso stipendio o pensione riconducibili a crediti di natura diversa (ordinaria, esattoriale, alimentare).
Assegno Sociale e somme corrisposte per errore di cui adesso l’INPS chiede la restituzione – Se non pago potrebbero prelevare dalla pensione?
Sono titolare di assegno social INPS oltre a due pensioni una tedesca di 160 euro e l'altra svizzera di 60 euro: per 29 mesi (dal Gennaio 2015 al Maggio 2017) ho ricevuto l'assegno sociale per 450 euro, ma da giugno 2017 ho percepito solo 225 euro perché hanno operato una…
Soggetto titolare di più pensioni – Il minimo vitale impignorabile si applica a ciascuna pensione o al totale?
Sono complessivamente beneficiario di una pensione INPS di vecchiaia da 500 euro e una di invalidità sempre INPS da 300 euro al mese: in più da Ente pubblico diverso euro 50 al mese. Il famoso limite dei 680 euro (assegno sociale + metà, o minimo vitale) vale nei confronti di…
Indennità di disoccupazione NASPI – Truffa INPS o tutto regolare?
A giugno 2015 a 52 anni, con l'avvento della riforma Fornero, l'azienda privata con la quale avevo lavorato per 11 anni con contratto a tempo indeterminato, pensa bene di liberarsi di me. Mi rivolgo all'INPS,che mi concede 672 giorni di NASPI. A febbraio 2017 (Dopo aver usufruito di 390 giorni…
Pensione di invalidità impignorabile e pignoramento del conto corrente dove confluisce la pensione
In riferimento alla risposta fornita a questa domanda non ho capito una cosa: se queste due pensioni non sono pignorabili dalla banca presso l'inps e il conto corrente è pignorabile, posso spostare la pensione su un'altro conto corrente, al limite postale, o è lo stesso pignorabile? Se il conto è…

Link a ritroso

Stai leggendo Indice del post E' discussione aperta sulla riforma delle pensioni: Vediamoci chiaro Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 marzo 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 16 dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica .

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca