Nuova Rc auto » La guida: Tutti gli aggiornamenti

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Rc auto, dove eravamo rimasti? Il 24 dicembre 2013 era entrato in vigore il Decreto Legge 145, meglio conosciuto come decreto Destinazione Italia. Con questo aggiornamento legislativo, erano state modificate numerose norme che regolavano il settore Rc Auto. Ma, poi il 5 febbraio 2014, la riforma era stata messa in cantina dalla commissione Finanze, dopo essere stata sonoramente bocciata dalla commissione Giustizia. Ed ora, cosa è successo?

La famigerata riforma dell’Rc Auto torna a sorpresa sul tavolo del governo.

Dopo un primo stop dell’esecutivo sull’articolo 8 del decreto Destinazione Italia, dedicato alle polizze obbligatorie per la rc auto degli automobilisti, è infatti arrivato il via libera del Consiglio dei ministri a un disegno di legge ad hoc che torna a promettere ribassi delle polizze, vincolandoli però a misure a garanzia delle compagnie.

Dal nuovo disegno di legge arrivano alcune conferme, come l’utilizzo delle carrozzerie convenzionate con le assicurazioni che, già presente nel primo tentativo di riforma, si ripresenta infatti nel ddl approvato dal Cdm, il quale propone uno sconto del 5% e del 10% per il risarcimento in forma specifica presso carrozzerie convenzionate.

Un nodo che era già stato criticato duramente dalla commissione Giustizia, secondo cui il riferimento alle carrozzerie convenzionate nell’articolo di Destinazione Italia non era condivisibile perché di fatto, attribuisce all’assicuratore il potere di decidere le condizioni di mercato dell’autoriparazione e la conseguente riduzione dei margini di impresa determinerebbe una riduzione degli standard qualitativi e di sicurezza delle riparazioni.

Il disegno di legge propone, inoltre, agevolazioni simili anche per quanto riguarda le cure mediche.

E’ infatti previsto un bonus del 7% per prestazioni di servizi medico-sanitari resi da professionisti convenzionati con le imprese assicurative.

Proposto, infine, uno sconto del 7% anche sulla media dei prezzi regionali per l’applicazione della scatola nera e del 4% per il divieto di cessione del diritto al risarcimento, che usualmente si fa con carrozzieri o avvocati provocando un inevitabile rigonfiamento dei costi.

7 Febbraio 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rimborsi del 730 » Tutti gli aggiornamenti
Dichiarazione dei redditi: vi presentiamo tutte le novità del 2014 in merito ai rimborsi del 730. Saranno ben sei i mesi di attesa per i rimborsi del 730 oltre i 4.000 euro. Se il Fisco non si pronuncia, vale il silenzio-assenso e il sostituto d'imposta può pagare. È questo l'intervento che la commissione Finanze della Camera ha chiesto al Governo. La commissione Finanze della Camera ha approvato all'unanimità una risoluzione che impegna il Governo a intervenire sulla stretta introdotta dall'ultima legge di stabilità. ...

Quando un cittadino italiano circola in Italia alla guida di un'auto con targa estera - Chiarimenti
Con la mia società lavoro spesso a Lubiana (Slovenia): ho però la residenza sempre in Italia, ma la mia fidanzata è di Lubiana. Capita spesso che andiamo a casa mia (in Italia) o a fare qualche gita in Italia e sono io a guidare la sua automobile. Io ho una 2 posti e non ci sta niente nel bagagliaio. So della legge che vieta di guidare le auto con targa estera. Ma anche se il proprietario (la mia fidanzata) mi siede accanto? Infatti non guido mai la sua auto da solo. ...

Polizze Rc auto false immesse in commercio » Ultimi aggiornamenti dall'Ivass
Altre segnalazioni dell'Ivass (autorità di controllo delle imprese di assicurazione) di polizze di assicurazione RC auto e di certificati e contrassegni falsi, vendute con il marchio di Compagnie Assicurative non autorizzate a vendere nel territorio italiano, o con nomi simili ad imprese regolarmente autorizzate. Il numero delle imprese illegali, che è superiore a 100, ormai supera di gran lunga quelle regolarmente autorizzate dall'Ivass, con il rischio di trovarsi frodati e soprattutto sprovvisti della copertura assicurativa. L'elenco delle pseudo compagnie assicurative segnalate e dei casi di contraffazione si trova qui. Mentre qui, è possibile visualizzare l'elenco delle compagnie non autorizzate ad ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nuova rc auto » la guida: tutti gli aggiornamenti. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)