Quando non è consentito il pagamento della multa in misura ridotta?

Buongiorno, sono una lettrice del blog.  E’ scritto spesso sul verbale che è possibile pagare la multa in misura ridotta entro 60 giorni. Ma ci sono casi in cui non è ammesso il pagamento in misura ridotta?

Vorrei capire cosa significa.

Grazie per una eventuale risposta.

Amelia Barra, Lecce

Tutte le violazioni punite con sanzione amministrativa pecuniaria, ferma restando l’applicazione delle eventuali sanzioni accessorie, possono essere pagate in misura ridotta – cioè il minimo fissato dalle singole norme – entro 60 giorni dalla contestazione o dalla notifica.

Non è consentito il pagamento in misura ridotta:

    • quando il trasgressore non abbia ottemperato all’invito di fermarsi;
    • quando, trattandosi di veicolo a motore, il conducente si sia rifiutato di esibire il documento di circolazione, la patente di guida o altri documenti necessari per la circolazione (es. contrassegno assicurativo);
    • per alcune violazioni riguardanti il trasporto di cose;
    • per la circolazione con targa non propria o contraffatta;
    • per la circolazione con veicolo che ha subìto il ritiro della carta di circolazione o di autorizzazione o licenza;
    • in caso di guida senza patente o con patente revocata, ritirata o sospesa;
    • in caso di guida con patente estera non emessa da Stato dell’UE scaduta di validità, quando la residenza in Italia è stata acquisita da più di un anno;
    • per alcune violazioni nel trasporto di merci pericolose;
    • in caso di inversione del senso di marcia in autostrada.

In questi casi (previsti dall’articolo 202 del codice) il verbale viene trasmesso entro 10 giorni al Prefetto competente per il luogo della violazione, il quale emette una ordinanza-ingiunzione con la quale determina l’ammontare della sanzione entro il limite massimo, secondo la gravità della violazione ed il comportamento del responsabile.

Per fare una domanda su multe e ricorsi in genere, su cartelle esattoriali originate da multe nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo,  cliccaqui.

19 Ottobre 2008 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Pagamento della multa – chi è tenuto a pagare la multa
In primo luogo, naturalmente, l'autore materiale dell'infrazione, cioè, normalmente, il conducente. Ma anche il proprietario del veicolo (o, in sua vece, l'usufruttuario o l'utilizzatore nel leasing) viene considerato obbligato, con l'autore dell'infrazione, a pagare la somma da questo dovuta per le violazioni punibili con sanzione amministrativa pecuniaria (multa), a meno che non provi che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la sua volontà. Le eventuali sanzioni accessorie (sospensione o ritiro patente) si applicano però solo al conducente autore dell'infrazione; la detrazione dei "punti" della patente ha invece un regime particolare. Per le violazioni commesse da conducenti capaci di intendere ...

Falsa attestazione ISEE - Non ammesso il pagamento in misura ridotta della sanzione amministrativa
Qualche anno fa ho beneficiato di una borsa di studio da parte di un Ente regionale per i diritti allo studio, percependo circa 4 mila euro. Ad ottobre ricevo una raccomandata in cui mi si riferiva che avevano effettuato un controllo incrociato alle Agenzia delle Entrate e che risultavano non dichiarati nella mia dichiarazione ISEE passata una serie di miei redditi che hanno portato ad oltrepassare il limite reddituale per richiedere la borsa di studio (di molto poco, conteggiando questi redditi sono risultata fuori per circa un centinaio di euro) e che pertanto avviavano un procedimento di decadenza e che ...

Multa pagata in misura ridotta » Escluse le spese postali: dietrofront della Cassazione
Quante volte è capitato: si sbagliava per pochi euro il pagamento della multa e ci si ritrovava con una cartella esattoriale di centinaia di euro. Ma non era la classica cartella esattoriale pazza. Il Codice della strada, infatti, stabiliva che, se il pagamento non era completo fino all'ultimo centesimo, valeva solo come acconto e quindi, se non si capiva l'errore e si rimediava entro 60 giorni, scattava il raddoppio previsto come per chi non pagava affatto la multa. Una storia assurda e datata, spesso denunciata, ma che aveva lasciato le istituzioni nella più totale indifferenza. Ma ora, una pronuncia della ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su quando non è consentito il pagamento della multa in misura ridotta?. Clicca qui.

Stai leggendo Quando non è consentito il pagamento della multa in misura ridotta? Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 19 Ottobre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 26 Dicembre 2016 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)