Impignorabili gli arredi nella residenza del debitore se questi è ospite della famiglia

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con sentenza numero 7222 del 30.03.2011, ha confermato la decisione della Corte d'Appello di Milano che, allineandosi alla pronuncia di primo grado, ha annullato un pignoramento dell'immobile e degli arredi pertinenziali a carico di un debitore che, pur risiedendo lì, non era il legittimo proprietario.

Il debitore e la sua famiglia si sarebbero trasferiti di lì a poco in una nuova casa, per la quale avevano già sottoscritto il compromesso.

Sul punto i giudici di Cassazione  hanno motivato che «la Corte d'Appello, con valutazione di fatto insindacabile in questa sede, poiché del tutto esente da errori logico-giuridici, ha ammesso la prova orale sulle circostanze relative alla residenza anagrafica e all'effettiva abitazione del debitore (e non sulla titolarità effettiva dei beni oggetto di pignoramento), con ciò rigettando l'eccezione proposta dalla società creditrice, onde del tutto priva di pregio appare l'eccezione di omessa pronuncia oggi sollevata da quest’ultima».

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su impignorabili gli arredi nella residenza del debitore se questi è ospite della famiglia. Clicca qui.

Stai leggendo Impignorabili gli arredi nella residenza del debitore se questi è ospite della famiglia Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 1 settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 27 settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento presso residenza debitore - presunzione legale proprietà Inserito nella sezione pignoramento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • CATIA 10 febbraio 2016 at 17:49

    Risiedo dal 1997 , da quando mi sono sposata, nella casa intestata ai miei genitori con i quali è stato stipulato un contratto di comodato d’uso gratuito immobiliare e mobiliare. Questo primo contratto non è stato bollato.

    Nel 2007 mio padre dietro consiglio di un professionista ha redatto un nuovo contratto di comodato che faceva riferimento al primo del 1997, vi è stata apposta marca da bollo da € 14,62 ed è stata apposta data certa con timbro postale.

    Nel 2015 mio marito è fallito ed essendo residente in tale abitazione, il curatore sostiene di dover fare l’inventario anche dei beni nell’abitazione di residenza.

    Avendo il contratto data certa ed essendovi elencati tutti i mobili e suppellettili di proprietà dei miei genitori, non dovrebbe essere sufficiente come prova che non sono beni di mio marito?

    • Simone di Saintjust 10 febbraio 2016 at 20:26

      Non è il curatore fallimentare a poter decidere sulla proprietà dei beni presenti nella residenza/domicilio del debitore, anche dopo l’esibizione di eventuali documenti da parte del terzo proprietario. Per il principio di presunzione legale di proprietà, tutto ciò che si trova presso l’abitazione in cui vive il debitore è di proprietà del debitore.

      E’ il giudice dell’esecuzione, adito dall’effettivo proprietario dei beni inventariati, a dover decretare, esaminando il contratto di comodato prodotto dal ricorrente, l’esclusione dei beni ivi elencati dall’inventario della massa attiva fallimentare.

  • noncelafacciopiu 4 novembre 2015 at 16:06

    Buongiorno,
    avrei bisogno di spiegazioni su una situazione difficile:

    nella stessa abitazione sono residenti genitori, una figlia (maggiorenne ed economicamente non a carico) ed un figlio (anch’egli maggiorenne)”problematico”.

    Genitori e figlia co-abitano effettivamente nella casa (di proprietà dei primi) in oggetto mentre il figlio è domiciliato in una comunità di recupero in altra Regione, presso cui è anche stato richiesto (ed accettato) l’affidamento in prova in conseguenza di alcune sentenze penali passate in giudicato.

    In virtù di (non so se delle stesse o altre) sentenze penali, di cui i genitori non erano per lo più a conoscenza (anche nei periodi precedenti la Comunità di recupero, il figlio non abitava presso di loro se non sporadicamente) sta emergendo che il figlio risulta anche debitore nei confronti di diversi soggetti.

    E’ stata fatta una prima notifica ai genitori e quando si è presentato l’ufficiale giudiziario, non ben sapendo nè di cosa si trattasse, nè le eventuali conseguenze, hanno pagato per il figlio.
    Adesso però è arrivata una seconda notifica (ritirata dalla cognata che abita nell’appartamento al piano superiore, è valida?), per un importo che, pur non elevatissimo, metterebbe in difficoltà i genitori.

    Tutto quello che c’è nell’appartamento è di proprietà dei genitori (come anche l’immobile) o della sorella, ma avrebbero difficoltà nel dimostrarlo.
    Considerando che il soggetto in questione vive materialmente presso la comunità, può essere bypassato questo problema in virtù della santenza di cassazione 7222 del marzo 2011?

    In caso positivo è una cosa che può essere opposta direttamente all’ufficiale giudiziario o comunque bisognerebbe procedere in giudizio?
    Non vorrei che alla fine le spese superassero il valore dei beni.

    In caso arrivassero altre notifiche (non c’è modo di sapere quanti “danni” abbia lasciato in giro il soggetto in questione) si può evitare di ritirarle?

    Grazie, attendo fiducioso un vostro aiuto.

    • Simone di Saintjust 4 novembre 2015 at 16:53

      La sentenza citata (7222 del marzo 2011) dimostra proprio a cosa si va incontro quando c’è un pignoramento presso la casa del debitore ed i terzi effettivi proprietari degli arredi presenti nella casa non sono in grado di esibire la documentazione necessaria. Si finisce con il dover supportare i costi (e i tempi) di un procedimento ordinario di cognizione per avvalersi di eventuali testimoni allo scopo di dimostrare che il debitore era stato solo temporaneamente ospitato.

      La cosa più lineare da fare in questi casi è quello di registrare, presso l’Agenzia delle Entrate, un contratto di comodato elencando tutti i beni concessi al comodatario debitore (naturalmente in data anteriore a quella di notifica del pignoramento).

      Il contratto di comodato può essere esibito all’Ufficiale Giudiziario, il quale non è, tuttavia, obbligato a tenerne conto. Di solito, in simili circostanze, l’ufficiale giudiziario lascia in custodia al debitore i beni pignorati riservandosi poi di agire in base alla successiva pronuncia del giudice adito dal terzo effettivo proprietario.

      Per liberare i beni dal pignoramento il terzo effettivo proprietario deve presentare ricorso, ex articolo 615 del codice di procedura civile, al giudice delle esecuzioni del Tribunale territorialmente competente, esibendo il contratto di comodato registrato all’Agenzia delle entrate. E’ necessaria l’assistenza legale.

  • alehj73 24 ottobre 2012 at 12:25

    Buongiorno. Avrei bisogno di porvi una domanda preventiva per evitare potenziali fastidi. Mi scuso se non sarò breve, ma preferisco cercare di chiarirmi bene. Ospito un amico sudamericano da circa 2 anni. Nel 2009 ha preso una multa per circa 3.000 euro, circa 10 giorni fa è arrivata ordinanza d’ingiunzione pagamento (30 giorni di tempo) post ricorso presentato. Poichè temo che non pagherà la sanzione per assenza di liquidità, dò già per scontato che inizierà la pratica di pignoramento. Ho letto blog concernenti pignoramenti ad ospiti e della necessità di dimostrare che i beni in casa sono (come sono di fatto) miei e che di suo non c’è nulla, ma non ho alcuna fattura. Allora vi chiederei di consigliarmi su quanto segue. Lui ora è tornato a vivere in Sudamerica da oltre un mese, potrebbe tornare in Italia per la primavera per lavori stagionali (ma non è nemmeno certo). Se io andassi a comunicare in Comune che non è più residente qui,TOGLIENDOGLI DI FATTO LA RESIDENZA DA CASA MIA (senza però che ne abbia un altro in Italia) PRIMA CHE SCADA il termine di 30 giorni per pagamento dell’ingiunzione di pagamento della multa, rischio qualcosa quando, fra qualche mese (non conosco, per fortuna, le tempistiche a riguardo), verrà iniziata la pratica di pignoramento? L’idea che vengano a depredarmi casa per aver dato un letto dove dormire ad un amico mi infastidisce non poco… Non so se poi questo conti qualcosa, ma io non sono nemmeno proprietario dell’immobile, vivo in comodato d’uso gratuito. Grazie infinite per l’attenzione.

    • Annapaola Ferri 24 ottobre 2012 at 12:35

      Se nel contratto sono dettagliatamente descritti i beni di maggior valore a lei concessi in comodato d’uso, potrebbe essere superfluo dichiarare l’irreperibilità del suo amico. Soluzione che, tuttavia, resta quella che offre la massima tranquillità, sicurezza e grado di tutela per il convivente, nel caso in cui l’esattore decidesse di procedere con pignoramento presso la residenza del debitore.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca