Nucleo familiare dei coniugi fra loro non conviventi - Nucleo familiare dei figli fiscalmente a carico (celibi e senza figli) non conviventi con i genitori

Com'è noto, in generale, il nucleo familiare del richiedente è costituito dai soggetti componenti la famiglia anagrafica (stato di famiglia) alla data di presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU).

Nucleo familiare dei coniugi non conviventi

I coniugi che hanno diversa residenza anagrafica fanno parte dello stesso nucleo familiare. A tal fine, identificata di comune accordo la residenza familiare, il coniuge con residenza anagrafica diversa è attratto nel nucleo la cui residenza anagrafica coincide con quella familiare.

In caso di mancato accordo, la residenza familiare è individuata nell'ultima residenza comune ovvero, in assenza di una residenza comune, nella residenza del coniuge di maggior durata. Il coniuge iscritto nelle anagrafi dei cittadini italiani residenti all'estero (AIRE) è attratto nel nucleo anagrafico dell'altro coniuge.

I coniugi che hanno diversa residenza anagrafica costituiscono nuclei familiari distinti solo se, fra l'altro, è stata pronunciata separazione giudiziale o è intervenuta l'omologazione della separazione consensuale; se uno dei coniugi è stato escluso dalla potestà sui figli; se è stato accertato l'abbandono del coniuge, in sede giurisdizionale o dalla pubblica autorità competente in materia di servizi sociali.

Nucleo familiare dei figli fiscalmente a carico (celibi e senza figli) non conviventi con i genitori

Il figlio minore di anni 18 fa parte del nucleo familiare del genitore con il quale convive.

Sono considerati familiari fiscalmente a carico i figli ed il coniuge, anche non conviventi, che nel secondo anno solare precedente a quello in cui è resa la DSU hanno percepito un reddito complessivo, al lordo degli oneri deducibili, uguale o inferiore a 2.840,51 euro.

Deve essere chiaro che l'attributo fiscalmente a carico di un figlio non convivente prescinde dalla fruizione delle detrazioni da parte del genitore.

Il figlio maggiorenne non convivente con i genitori e fiscalmente a carico, nel caso in cui sia celibe e senza figli, fa parte del nucleo familiare dei genitori. Nel caso i genitori appartengano a nuclei familiari distinti, e nessuno dei due genitori sia fiscalmente a carico dell'altro, il figlio maggiorenne fa parte del nucleo familiare di uno dei genitori, da lui scelto.

DSU per l'Università - Coniugi con reddito cumulato complessivo pari o superiore a 6.550 euro lordi

Purché per lo studente sia verificata la condizione di residenza fuori dall'unità abitativa della famiglia di origine, da almeno due anni rispetto alla data di presentazione della domanda di iscrizione per la prima volta a ciascun corso di studi, in alloggio non di proprietà di un membro della famiglia anagrafica di origine, i coniugi possono costituire nucleo familiare autonomo (ai fini della DSU per l'Università) se la somma dei redditi percepiti da entrambi è almeno pari a 6500 euro lordi annui. L'interpretazione autentica dell'articolo 8 comma 2, del DPCM 159/2013 è stata fornita dall'INPS nella FAQ MB2_10 del 14 ottobre 2015.

21 marzo 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Dichiarazione Sostitutiva Unica ISEE per l'accesso a prestazioni socio sanitarie - Il nucleo familiare ristretto
Le prestazioni sociosanitarie, ai sensi della definizione adottata a fini ISEE, sono identificate come le prestazioni sociali agevolate assicurate nell'ambito di percorsi assistenziali integrati di natura sociosanitaria. Si tratta di prestazioni rivolte a persone con disabilità e limitazioni dell'autonomia, ovvero interventi in favore di tali soggetti: di sostegno e di ...
Assegno per il nucleo familiare - Regole in caso di separazione personale dei coniugi
L'assegno per il nucleo familiare è finalizzato ad assicurare una tutela in favore di quelle famiglie che mostrano di essere effettivamente bisognose sul piano economico. L'assegno per il nucleo familiare è attribuito in modo differenziato in rapporto al numero dei componenti ed al reddito del nucleo familiare, tenendo altresì conto ...
Nucleo familiare fiscale, nucleo familiare ISEE, nucleo familiare ISEEU e nucleo per gli assegni familiari
In principio era la “famiglia anagrafica”, quella che si rileva dallo storico "stato di famiglia" che, almeno una volta, chiunque di noi ha chiesto agli uffici dell'anagrafe comunale. Poi fu introdotto il nucleo familiare ISEE, come strumento di valutazione - nelle speranze del legislatore, oggettivo ed equo - finalizzato a ...
Coniugi separati in casa - per essere ammessi al gratuito patrocinio i redditi non vanno sommati
Come molti sanno, per essere ammessi al patrocinio a spese dello Stato è necessario che il richiedente sia titolare di un reddito annuo imponibile, risultante dall'ultima dichiarazione, non superiore a euro 11.369,24. Se l'interessato ad essere ammesso al gratuito patrocinio convive con il coniuge o con altri familiari, il reddito ...
Separazione dei coniugi - genitore non affidatario e spese straordinarie dei figli
In tema di separazione e divorzio, il genitore non affidatario non decide sulle spese straordinarie dei figli, anche se è tenuto a pagarle. Con la recentissima sentenza numero 8676 del 12 aprile 2010 la Corte di Cassazione ha stabilito che il genitore non affidatario, tenuto al mantenimento, non può contestare ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nucleo familiare dei coniugi fra loro non conviventi - nucleo familiare dei figli fiscalmente a carico (celibi e senza figli) non conviventi con i genitori. Clicca qui.

Stai leggendo Nucleo familiare dei coniugi fra loro non conviventi - Nucleo familiare dei figli fiscalmente a carico (celibi e senza figli) non conviventi con i genitori Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 21 marzo 2018 Ultima modifica effettuata il giorno 28 marzo 2018 Classificato nella categoria famiglia separazione divorzio lavoro pensioni isee » mini guide Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Portogallosenzadebiti 1 aprile 2018 at 14:36

    Cittadino italiano sposato con cittadina Russa con matrimonio riconosciuto in Italia con regime di separazione dei beni.
    Abbiamo un figlio nato in Italia. Siamo tutti residenti in Italia presso abitazione dei miei due genitori.
    Da due anni viviamo in Portogallo dove abbiamo preso la residenza ( e mia moglie un permesso di soggiorno portoghese) ma non ho iscritto me e mio figlio all Aire per evitare che il mio stipendio portoghese possa esser attaccato da creditori pubblici e privati (una impresa individuale finita malissimo), visto che ci sono già ingiunzioni per decine di migliaia d euro ed a casa dei miei è già stato l ufficiale a constatare il fatto che non ho beni da pignorare. Ora mia zia vorrebbe comprare casa in Portogallo a nome di mio figlio e darne l usufrutto a mia moglie. Se mia moglie nel frattempo cancellasse la residenza italiana, annullerebbe così i suoi contatti col fisco italiano o no? Essendo cittadina russa, sposata con italiano, ma residente all estero con un lavoro ed una casa in usufrutto dovrebbe dichiarare in qualche modo tale diritto in Italia. Come si configurerebbe il nucleo familiare? L obbiettivo è non informare nessuno che siamo in Portogallo e se mia moglie pagasse in Italia le tasse per un immobile portoghese sarebbe come dire apertamente ai creditori dove siamo, che potrebbero chiedere ingounzioni europee.
    La legge portoghese ammette il pignoramento fino ad un terzo dello stipendio e questo ucciderebbe la mia famiglia.
    Grazie in anticipo a chi avrà la pazienza di rispondermi, con chiarimenti e consigli.

    • Simone di Saintjust 1 aprile 2018 at 17:12

      La sua signora è evidentemente cittadina russa perché pur essendo coniugata con un cittadino italiano non ha mai presentato la domanda di cittadinanza italiana pur potendolo fare, dopo sei mesi di residenza in Italia o dopo tre anni nel caso di residenza all’estero. (articolo 5 legge 91/92)

      La sua signora è comunque cittadina straniera residente in Italia (risultando iscritta nell’anagrafe della popolazione residente per almeno 183 gg) e, come tale, obbligata a presentare dichiarazione fiscale per i redditi percepiti in Italia e all’estero.

      Dunque, per raggiungere l’obiettivo sarebbe necessaria la cancellazione della sua signora dall’anagrafe della popolazione residente in Italia. Tuttavia, il cittadino (italiano, comunitario o extracomunitario) residente in Italia che intende trasferirsi all’estero o rientrare nel proprio paese di origine, deve dichiarare l’indirizzo di nuova residenza (potrebbero esserci controlli incrociati con il paese di nuova residenza prima di concedere la cancellazione). Ma così un qualsiasi creditore potrebbe risalire all’indirizzo di residenza della signora, che sarebbe, con elevata probabilità, anche quella del coniuge debitore.

      La cancellazione dall’anagrafe della popolazione residente può avvenire per irreperibilità accertata in seguito a segnalazione di uno dei conviventi. In pratica il coniuge, o uno dei genitori del coniuge, dovrebbe dichiarare all’ufficiale di anagrafe che la signora risulta irreperibile da qualche mese, anche se si è messa in contatto telefonico per tranquillizzare sulla sua esistenza in vita (per evitare complicanze) ma esternando il fermo proposito di non rivelare il nuovo domicilio. La cancellazione si ottiene in un periodo minimo di un anno.

      Il risvolto della medaglia è che, in questo modo, la sua signora si espone ad eventuali azioni giudiziarie da parte del coniuge in tema di separazione, divorzio, affidamento dei figli e assegno di mantenimento.

      Attualmente (e fino a quando non sarà effettuata la cancellazione dall’anagrafe) il nucleo familiare del debitore (ai fini DSU/ISEE presentato da uno dei componenti) è costituito dal debitore stesso, dal coniuge, dal figlio e dai genitori del debitore. Dopo la cancellazione dall’anagrafe il nucleo familiare continuerà ad essere lo stesso a meno che il coniuge debitore non ottenga dal giudice una sentenza di separazione.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca