Prescrizione presuntiva della parcella di un notaio

Indice dei contenuti dell'articolo


Cancellazione ipoteca - Il notaio pretende onorari e spese per una prestazione di nove anni fa

Mi ha contattato l'avvocato di un notaio presso il quale ho fatto la cancellazione dell'ipoteca del mio immobile e relativo rogito nove anni fa: mi scrive che non ho pagato 700 euro per la cancellazione ipoteca, cosa che mi pare poco probabile.

Dice anche che ha fatto diversi solleciti, ma io non ho ricevuto mai nulla, ne sono certo.

Mi chiede di provvedere al pagamento entro 8 giorni, oltre agli interessi e spese legali.
Purtroppo non trovo alcuna ricevuta. Cosa devo fare?

Parcella del notaio per cancellazione ipoteca e prescrizione presuntiva

Cominciamo col dire che la prescrizione delle parcelle dei professionisti (notai, avvocati e commercialisti, eccetera) è triennale (articolo 2956 e 2957 del codice civile). Il termine decorre, in generale, dalla prestazione.

Quindi, non deve far altro che inviare una comunicazione per raccomandata AR all'avvocato. In essa si dichiarerà dispiaciuto per il disguido sorto con lo stimatissimo notaio. Imprecherà contro le poste italiane per i ritmi produttivi che impone ai poveri postini, i quali hanno preso, di conseguenza, la cattiva abitudine di non tentare la consegna delle raccomandata di messa in mora, indicando il destinatario sempre come temporaneamente irreperibile. Chiederà all'avvocato di usarle la cortesia di spiegare a cosa è dovuta la pretesa, dal momento che lei ricorda benissimo di aver saldato la parcella per l'estinzione dell'ipoteca e di allegare alla risposta anche copia degli attestati A/R relativi ai solleciti a suo tempo inoltrati al debitore. Giusto perchè lei non è avvezzo a non rispondere alle comunicazioni a lei destinate e ha deciso di presentare formale istanza di reclamo a Poste spa.

L'importante è che lei non ammetta il debito, ed insista sul fatto di ricordare nitidamente di aver pagato tutto, anche gli onorari e le spese per la cancellazione dell'ipoteca. Altrimenti la prescrizione presuntiva va a farsi benedire e diventa decennale.

Insomma, l'avvocato deve dimostrare al debitore che è intervenuta l'interruzione dei termini di prescrizione presuntiva del credito preteso relativo ad una parcella notarile di un ipoteca risalente a nove anni fa, prima della decorrenza dei tre anni della data dell'avvenuta prestazione professionale.

11 Ottobre 2012 · Andrea Ricciardi


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione per la parcella di un avvocato - Decorrenza, comunicazione interruttiva dei termini ed implicazioni dell'eccezione di prescrizione
Costituisce atto idoneo ad interrompere la prescrizione l'inoltro della richiesta di adempimento per lettera raccomandata, la cui spedizione è provata dalla relativa ricevuta e i cui particolari doveri di consegna a carico del servizio postale ne fanno presumere l'arrivo al debitore, pur in assenza della ricevuta di ritorno. Solo a seguito di contestazione del destinatario sorge l'onere per il mittente di provare il ricevimento. Inoltre, l'eventuale eccezione di prescrizione sollevata dal debitore non equivale al riconoscimento del debito: in pratica l'aver sollevato l'eccezione di prescrizione non determina l'ammissione del debito. Invece, l'ammissione del debito impedisce al debitore di avvalersi della ...

Il debitore che ammette il debito o ne contesta l'importo rischia di non beneficiare della prescrizione presuntiva
Non può essere accolta la prescrizione presuntiva del credito quando il debitore ammette la mancata estinzione del debito e/o quando il debitore ne contesta la congruità. Secondo giurisprudenza consolidata, infatti, l'ammissione del debitore di non aver estinto il debito ovvero la contestazione, da parte dello stesso, dell'entità dell'importo preteso dal creditore, comporta il rigetto dell'eccezione di prescrizione. In particolare, l'accoglimento dell'eccezione di prescrizione presuntiva è preclusa in tutte le ipotesi in cui il debitore ammetta di non aver estinto il debito ovvero contesti, anche per implicito, l'entità della somma richiesta, circostanza, quest'ultima, implicante, in ogni caso, il riconoscimento della sia ...

Prescrizione estintiva e prescrizione presuntiva dei debiti
La prescrizione estintiva consegue al mancato esercizio di un diritto per un determinato periodo di tempo ed è finalizzata esclusivamente a garantire la certezza dei rapporti giuridici. Elementi costitutivi della prescrizione estintiva, infatti, sono il decorso del tempo e l'inerzia del titolare del diritto. In pratica, la prescrizione estintiva estingue il debito, e il debitore può giovarsene liberandosi dalla pretesa, sia che contesti l'esistenza del credito sia che ammetta di non aver adempiuto l'obbligazione. La prescrizione presuntiva (o impropria), invece, ha tutt'altra struttura e finalità. Essa muove dalla presunzione che un determinato credito, data la sua particolare natura, sia stato ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione presuntiva della parcella di un notaio. Clicca qui.

Stai leggendo Prescrizione presuntiva della parcella di un notaio Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 11 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte