Il prof. Renato Brunetta e i mutui: aspettare il ciclo … (ma non quello mestruale)

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Meglio tasso fisso o tasso variabile? Il solito dubbio per i comuni mortali, ma non per il prof. Brunetta. Tanto più che qualsiasi ipotesi può essere smentita dai tanti anni di vita del mutuo. Inutile cercare di pronosticare il futuro. Le previsioni economiche sono incerte quanto quelle del tempo. Invece l’esperienza ci ha suggerito una regoletta piuttosto semplice che finora non ha deluso: quando è possibile ottenere mutui ad un tasso fisso vicino al 5% bisogna approfittarne. A questo livello lo spazio di possibile risparmio con il ricorso al tasso variabile si assottiglia, mentre i rischi di innalzamento sono tutti presenti. Al contrario, più il tasso fisso eccede il 5%, tanto più diventa interessante il mutuo a tasso variabile. Con buona probabilità esso resterà al di sotto della proposta a tasso fisso per la maggior parte del tempo. Con il vantaggio che ad un tasso più basso il rimborso capitale avviene più in fretta.

4 Ottobre 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Salve, avrei bisogno di sapere se conviene adesso il passaggio da variabile a fisso , o se conviene aspettare
Salve, avrei bisogno di sapere se, secondo l'esperto, conviene adesso il passaggio da variabile a fisso , o se conviene aspettare. (Si da per assunta la possibilità, al momento, di fronteggiare la rata anche se variabile). Ringrazio da subito per la disponibilità cordialmente della rocca carlo Commento di carlo della rocca | Domenica, 5 Ottobre 2008 Nell'attesa di una risposta senz'altro più qualificante, ti consiglio di guardare su YouTube il video relativo all'ultima puntata di Porta a Porta dove ministro Brunetta spiega che, nel lungo periodo, il mutuo a tasso fisso e quello a tasso variabile sono praticamente equivalenti. Commento ...

Tasso fisso o tasso variabile per i mutui casa?
Dovendo acquistare casa e stipulare un mutuo perchè non ho tutti i soldi, la domanda è: meglio un mutuo a tasso fisso o uno a tasso variabile? Vi sarei grata per una sollecita risposta. Marina, Frosinone. Mai come adesso è consigliabile il tasso fisso: sul mercato al 5%, ma non durerà per molto. Diciamo che rispetto ad agosto la situazione è addirittura peggiorata perché è aumentata la differenza tra i tassi attuali e quelli pagati nel 2006 e utilizzati per la rideterminazione della rata. Questo potrebbe comportare un ulteriore allungamento della durata del prestito. Nonostante la crisi i mutui si ...

Mutuo a tasso misto ottenuto con il Fondo acquisto prima casa gestito da CONSAP
Mi è stato accordato un mutuo trentennale con il Fondo di Garanzia a tasso fisso per i primi 20 anni e a tasso variabile per gli ultimi 10: è possibile che il predetto mutuo con fondo garanzia Consap a tasso fisso preveda la variabilità OBBLIGATORIA del tasso di interesse negli ultimi 10 anni? Oppure la banca avrebbe anche potuto propormi il tasso fisso per l'intera durata del mutuo? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il prof. renato brunetta e i mutui: aspettare il ciclo … (ma non quello mestruale). Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)