Il mutuo assistito da garanzia – La fideiussione prestata dal genitore del mutuatario

Mio figlio sta  stipulando un mutuo per l’acquisto della prima casa ed in banca gli hanno chiesto un garante. Domanda:  non basta l’ipoteca sulla casa come garanzia? Nel caso mi offrissi io come garante, a cosa vado incontro?

Grazie dell’attenzione, Manuel

Non sarà certo come acquistare direttamente la casa per il figlio, ma offrirsi come garante nella stipulazione di un mutuo può risultare ugualmente un aiuto prezioso, a volte addirittura decisivo. Senza l’intervento del genitore (o di un altro parente), ottenere un finanziamento dalla banca è infatti impresa difficile per un giovane impiegato con un contratto a termine o una busta paga non ancora in grado di sopportare rate elevate.

Anche se non esiste alcuna norma che renda obbligatoria la presenza di una garanzia, e l’ipoteca dovrebbe di per sé essere sufficiente a tutelare l’istituto che concede il credito, di fatto il fenomeno è tutt’altro che irrilevante e in continua ascesa nel nostro Paese. I finanziamenti assistiti da garanzie di terzi risultano essere  il 20-25% del totale e nella maggior parte dei casi i garanti sono i genitori o comunque famigliari.

La garanzia fornita dal terzo è dal punto di vista giuridico una fideiussione e obbliga il titolare a rispondere in solido con il mutuatario nei confronti della banca. Quest’ultima, nel momento in cui il figlio non fosse in grado di onorare la rata, avrebbe il diritto di rivalersi anche sul genitore-garante.

Si tratta, dunque, di un impegno da non prendere con superficialità, anche perché si corre il rischio di doversi far carico dell’importo residuo del mutuo.

Non tutti sono necessariamente in possesso dei requisiti validi per prestare la fideiussione e anche la figura del futuro garante viene attentamente vagliata dalle banche.

Il  reddito disponibile del garante,  sommato a quello del mutuatario deve essere sufficiente a far fronte alla rata. Ma le banche fanno attenzione anche al numero delle fideiussioni già prestate e all’età: in genere chi fornisce la garanzia non dovrà superare i 75-80 anni nel momento in cui l’obbligo viene a cessare.

Infine, la durata della garanzia è a volte più breve di quella del finanziamento. In genere viene chiesta  una fideiussione con una durata pari a un terzo rispetto a quella del mutuo, e comunque non superiore ai 10 anni. In fondo, il periodo più critico nel quale si rischia l’insolvenza sono i primi anni. Dopo, almeno in teoria, gli aumenti di stipendio dovrebbero consentire ai giovani di rendere più leggero il peso della rata.

Per porre una domanda sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, nonché su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

3 Marzo 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Fideiussione prestata a garanzia di un mutuo ipotecario - il fideiussore può chiedere la revocatoria del fondo patrimoniale costituito dal mutuatario
Supponiamo che la banca richieda, per l'erogazione di un mutuo ipotecario, un'ulteriore garanzia, oltre all'ipoteca. Supponiamo che la fideiussione venga prestata da un soggetto terzo e che, pertanto, la banca eroghi il mutuo. Come sappiamo, qualora il mutuatario debitore incorra nella decadenza del beneficio del termine (omesso o ritardato pagamento verificatosi almeno sette volte, anche non consecutive) la banca può escutere il mutuatario insolvente attraverso l'espropriazione del bene acquisito con mutuo garantito da ipoteca, ma può rivalersi anche sul fideiussore che non è coperto dal beneficio di escussione o, qualora ne sia coperto, richiedere al fideiussore la differenza fra l'importo ...

La fideiussione a garanzia supplementare del mutuo
Nel concedere un mutuo la banca deve considerare non solo il valore dell'immobile offerto in garanzia, ma anche la capacità economica del debitore di pagare le rate del mutuo (un elemento di valutazione è costituito dalla dichiarazione dei redditi). Per questa ragione, talvolta, viene richiesta la fideiussione da parte di un terzo (ad esempio da parte di un genitore per il figlio), che si assume così l'impegno di pagare quanto dovuto dal debitore in caso di suo inadempimento. Della fideiussione devono essere determinati i limiti di importo e di durata. Mai concedere a garanzia la procura a vendere E' invece ...

Contratto di mutuo con fideiussione e principio di proporzionalità della garanzia fideiussoria
Sono mutuatario di un contratto di mutuo fondiario dell'importo di 150 mila euro con garanzia ipotecaria di 250 mila euro. L'ipoteca grava su un immobile e su un fondo rustico. Il mutuo è inoltre garantito da una fideiussione fino alla concorrenza dell'importo massimo di 225 mila euro. Ad oggi, ho già corrisposto circa il 35% del debito. A fronte della diminuzione dell'esposizione debitoria, posso richiedere alla banca di “svincolare” il fideiussore? E, in caso di prevedibile diniego, posso invocare la violazione del principio di proporzionalità tra il debito esistente e le garanzie prestate? ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il mutuo assistito da garanzia – la fideiussione prestata dal genitore del mutuatario. Clicca qui.

Stai leggendo Il mutuo assistito da garanzia – La fideiussione prestata dal genitore del mutuatario Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 3 Marzo 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria mutui casa - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • EIOPAGO 21 Aprile 2009 at 12:20

    Buongiorno,

    navigando per il web ho trovato il v/s sito che reputo molto interessante. La situazione che vorrei porre alla v/s cortese attenzione è la seguente : non ho mai chiesto un finanziamento, non sono protestato e percepisco una busta paga con un importo tale da poter richiedere un finanziamento .Alla luce di quanto detto vorrei chiedere un prestito di ca. 4.000.00 per acquistare una macchina . Ieri ho inoltrato richiesta alla Ducato, ma la proposta mi è stata respinta . Ho chiamato il call center dell’istituto, ma non mi hanno saputo dire nulla . Il motivo della mia preoccupazione nasce dal fatto che mio padre risulta protestato per n. 3 effetti. Possono, le finanziarie, usare la situazione di mio padre per bocciarmi il finanziamento ?
    Quale altre cause possono portare al rifiuto di un finanziamento, considerando che il mio nome è pulito?
    Grazie in anticipo

  • sandro 3 Marzo 2009 at 12:52

    bel sito, bel blog – complimenti