I diritti dei partecipanti sulle cose comuni

L’articolo 1118 del codice civile, prevede che il diritto di ciascun condomino sulle cose indicate dall’articolo 1117 è proporzionato al valore del piano o porzione di piano che gli appartiene, se il titolo non dispone altrimenti.

In via di principio ogni proprietario può utilizzare la proprietà comune, come per es. il sottotetto, e ciò a prescindere dalla sua quota di proprietà della parte comune. Non sarebbe legittimo escludere con deliberazione assembleare un condomino dall’utilizzazione di una parte comune.

Il valore proporzionale di ciascun piano o di ciascuna porzione di piano viene fissato in base ai criteri predeterminati dall’articolo 68 delle norme di attuazione del codice civile. In esecuzione dell’articolo 1118 del codice civile, il diritto di invitare ospiti nella piscina condominiale p. es. deve essere proporzionato alla proprietà.

La rinuncia, da parte di un condomino, al diritto sulle cose comuni non lo libera dall’obbligo di versare il suo contributo nelle spese per la conservazione dei beni in questione. Non esiste nessuna norma dedicata espressamente alla disciplina delle modalità e dei limiti dell’uso delle parti comuni.

Il regolamento di condominio può limitare la facoltà dei singoli condomini di usare o modificare parti comuni, subordinandole all’approvazione della maggioranza assembleare. In nessun caso non può essere soppresso totalmente l’uso medesimo, anche se per periodi di tempo limitati, o creare impedimenti all’utilizzo delle singole quote di proprietà.

E compito del giudice di merito, accertare di volta in volta se gli atti dei singoli condomini, miranti a un’intensificazione del proprio godimento del bene comune, siano o meno conformi alla destinazione di quest’ultimo e cosi rientranti fra quelli consentiti.

———-
Articolo 1102 codice civile – Ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purchè non ne altri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tale fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa. Il partecipante non può estendere il suo diritto sulla cosa comune in danno degli altri partecipanti, se non compie atti idonei a mutare il titolo del suo possesso.

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il condomino che non contribuisce alle spese per l'intervento sulle parti comuni può controllare esecuzione dei lavori?
Ristrutturo appartamento in bifamigliare ed intervengo anche su parti comuni (consolidamento muri maestri - di antico edificio in pietra - ed eliminazione umidità di risalita). Altro condomino , a cui ho chiesto di contribuire (articolo 1125 codice civile), mi ha inviato lettera avvocato informandomi che NON CONTRIBUISCE nelle spese. Inizieremo i lavori tra qualche giorno; quando i lavori saranno "in corso" può altro condomino verificare (personalmente o da tecnico di fiducia) l'esecuzione dei lavori a cui si è SOTTRATTO all'Obbligo di Contribuzione? Non intendo fare entrare nessuno nel mio appartamento dato che altro condomino può avere informazioni dall'accesso agli atti ...

Norme sull'uso delle cose e dei servizi comuni
Abitazione per turisti L'affitto di un appartamento a turisti in linea di principio non può essere vietato o limitato con regolamento d'uso. Assenza del proprietario Il proprietario deve sostenere la propria parte delle spese condominiali, anche se l'appartamento non viene utilizzato o lo è solo in parte. Potrebbe essere preso in considerazione una disposizione che prescrive d'inverno una temperatura minima negli alloggi vuoti, per evitare agli appartamenti abitati un ingiustificato aumento delle spese di riscaldamento. Asta di bandiera Il montaggio di una asta per la bandiera richiede l'assenso degli altri condomini. Cantina La cantina deve servire per il deposito di ...

Le parti comuni
Le parti comuni elencate dall'articolo 1117 del codice civile, non sono da intendersi in maniera tassativa, ma sono delle linee guida che possono essere adottate a possibili variazioni (es.: antenna satellitare comune). In questo contesto si osserva, che in relazione a edifici separati e autonomi con un cortile comune, si può parlare di una proprietà comune “presunta” (presunzione iuris tantum). Questa presunzione può essere smentita se un titolo legale dimostra il contrario. Titoli legali che superano la presunta proprietà comune: l'atto di costituzione del condominio o/e il regolamento contrattuale (vedi > regolamento condominiale); i contratti d'acquisto delle proprietà esclusive; i ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i diritti dei partecipanti sulle cose comuni. Clicca qui.

Stai leggendo I diritti dei partecipanti sulle cose comuni Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)