Tutto ciò che bisogna conoscere sulla fideiussione

La fideiussione » Scopriamo quello che è fondamentale conoscere su questa particolare forma di garanzia

Nell'articolo che segue, vogliamo far conoscere al debitore tutto ciò che riguarda il particolare mondo della fideiussione, una tipologia di forma di garanzia.

Con la fideiussione un soggetto assicura un'obbligazione altrui, impegnandosi nei confronti del creditore del rapporto obbligatorio.

Questo tema è accolto dal codice civile italiano all'art. 1936, ai sensi del quale, nell'ambito del diritto finanziario, è fideiussorie colui che, obbligandosi personalmente verso il creditore, garantisce (promessa unilaterale) l'adempimento di un'obbligazione altrui.

La fideiussione è efficace anche se il debitore non ne ha conoscenza.

Cerchiamo di capirne qualcosa in più nei paragrafi successivi.

Introduzione alla fideiussione

Prima di cominciare con l'analisi, effettuiamo una piccola introduzione alla fideiussione.

È bene sottolineare che la fideiussione esisteva già in epoca romana (era un modello di garanzia riassumibile in una promessa contratta col modello della “verborum obligatio” che rendeva l'obbligazione solidale a prescindere tra il debitore ed il garante).

Da segnalare che l'obbligazione del fideiussore ha carattere accessorio; esiste nei limiti in cui esiste l'obbligazione garantita.

La fideiussione è valida solo se è valida l'obbligazione principale (il fideiussore può presentare tutte le eccezioni che avrebbe potuto presentare il debitore).

Il creditore potrà chiedere l'adempimento al fideiussore o al debitore, a meno che non sia previsto il beneficio di escussione. Il fideiussore convenuto in giudizio per l'adempimento dal creditore può arrivare a non essere condannato, indicando i beni del debitore principale che il creditore può sottomettere ad esecuzione. Nel caso in cui il debito fosse assicurato da più fideiussioni bancarie, i fideiussori hanno l'obbligo in solido e il fideiussore che adempie ha diritto all'azione di regresso nei confronti degli altri.

Il fideiussore che ha reso possibile l'obbligazione del debitore può agire o in via surrogatoria o esperendo l'azione di regresso. Si tratta di due azioni concorrenti, azionabili in via alternativa.

Sottolineiamo infine che la fideiussione bancaria può essere solidale o con beneficio d'escussione. Nel primo caso il garante si obbliga per il pagamento dello stesso ammontare del debito principale mentre nel secondo caso è tenuto all'adempimento solo di ciò che residua dopo l'escussione del debitore garantito. Il creditore ha dunque l'onere di chiedere l'adempimento prima al debitore garantito e solo dopo il rifiuto di questo può orientarsi verso il fideiussore. Alcune fonti ritengono che alla scadenza il creditore goda di una libera decisione per determinare verso quale obbligato operare.

Possiamo categorizzare le fideiussioni in due tipologie:

Le fideiussioni e le cauzioni possono essere richieste per la partecipazione ad appalti pubblici, a garanzia degli acconti dati per acquisto di immobili su compromesso (legge 210/04 – 122/05), per la corretta gestione di beni concessi in locazione, per la garanzia di pagamenti rateizzati, a garanzia delle buon esito dei lavori effettuati vedremo più avanti le possibili applicazioni.

Le Cauzioni o Fideiussioni Assicurative sono utilizzate molto spesso per evitare l'immobilizzazione di somme di denaro, specialmente negli appalti pubblici, evitando il deposito di denaro liquido o in titoli di Stato e limitando l'abbattimento dei fidi bancari. L'intervento di un terzo soggetto garante (ovvero il soggetto che emetterà la fideiussione assicurativa) fà sì che il contraente principale, anche non disponendo di somme di denaro da immobilizzare (previste da una fideiussione bancaria), possa ottenere la fideiussione senza troppe difficoltà ovviamente purché risponda a requisiti minimi di solidità reddituale e patrimoniale.

Gli Attori principali della Fideiussione

Ecco quali sono gli attori principali della fideiussione:

  1. L'Istituto erogante che emette la fideiussione (banca, assicurazione, intermediario finanziario, confidi).
  2. Il Contraente è il soggetto che contrae l'obbligazione principale utilizzando la Fideiussione come garanzia ulteriore. Il contraente può essere una persona fisica o una persona giuridica, nel caso in cui il contraente non fosse sufficientemente garantista per l'obbligazione che ha contratto il soggetto che emette la Fideiussione può richiedere l'inserimento di persone fisiche coobbligate cosi da sostenere al massimo l'obbligazione presa .
  3. Il Beneficiario è il soggetto che "beneficia" della fidejussione, ovvero che con la stipula della stessa acquisisce il diritto di "escuterla", ovvero di incassare la garanzia dal soggetto che la emessa.
  4. . I Coobbligati: L'Istituto che emette la garanzia ha la facoltà di richiedere un supporto per rilasciare la garanzia inserendo uno o più soggetti che insieme al Contraente principale si coobbligano e sono detti infatti "Coobbligati". Questi soggetti rispondo in solido con il contraente principale, a risarcire l'istituto che ha emesso la fidejussione nel caso in cui venisse escussa dal beneficiario

I settori in cui vengono utilizzate le fidejussioni sono molteplici il più delle volte le fidejussioni vengono utilizzate nei seguenti settori : <

Soggetti abilitati al rilascio di fideiussioni:

3 gennaio 2017 · Gennaro Andele


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Garanzie – differenze fra fideiussione bancaria e fideiussione assicurativa
Salve, volevo chiedervi alcuni chiarimenti in merito alla fideiussione.  In particolare, quali sono le differenze tra la fideiussione bancaria e la fideiussione assicurativa, in termini di garanzie per colui che ne richiede l'escussione in caso di mancato pagamento di canoni di locazione immobiliare? Nell'attesa di una cortese risposta vi porgo ...
La fideiussione bancaria attiva e passiva
La fideiussione, così come regolata dal codice civile, è una forma di garanzia accessoria alla obbligazione e quindi il fideiussore può opporre contro il creditore tutte le eccezioni che spettano al debitore principale (articolo 1945 del codice civile). La fideiussione così come regolata dal codice civile può avere anche le ...
Recesso dalla fideiussione - Illegittima la clausola che estende la garanzia alle obbligazioni future del debitore principale
Dopo il recesso dall'impegno fideiussorio, il residuo obbligo di garanzia è limitato, entro l'importo massimo della fideiussione a suo tempo convenuto, alle sole obbligazioni già esistenti, con esclusione di quelle non ancora sorte a tale data. Pertanto, l'estensione della garanzia alle obbligazioni del debitore principale non ancora sorte al momento ...
Contratto autonomo di garanzia e fideiussione - Differenze
In cosa si distingue un contratto autonomo di garanzia dalla fideiussione? Il carattere distintivo del contratto autonomo di garanzia è costituito dall'assenza dell'elemento dell'accessorietà; nel contratto autonomo di garanzia il garante non ha facoltà di opporre al creditore le eccezioni spettanti al debitore principale, in deroga alla regola essenziale posta ...
Recedere da una fideiussione - come e quando è possibile
Non è sempre vero che il fideiussore deve, sempre e comunque, rispondere nei confronti del creditore senza limite alcuno. Alcuni limiti alla fideiussione possono essere imposti dalla disciplina contrattuale, ad esempio pattuendo il beneficio di preventiva escussione del debitore principale. Comportamento fraudolento del creditore L'articolo 1955 del codice civile indica ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tutto ciò che bisogna conoscere sulla fideiussione. Clicca qui.

Stai leggendo Tutto ciò che bisogna conoscere sulla fideiussione Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 3 gennaio 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 27 gennaio 2017 Classificato nella categoria garanzie e fideiussioni .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca