Equitalia – debiti del padre per smaltimento rifiuti e canone RAI che ricadono sul figlio

Debito Equitalia per servizio smaltimento rifiuti solidi urbani e canone RAI non pagati

Mio padre ha un debito con Equitalia di circa 1400 euro per il mancato pagamento di una bolletta per rifiuti solidi urbani del 2003 e per i canoni Rai non pagati dal 2003 al 2008.

Io sono nello stato di famiglia di mio padre e abito con lui in un appartamento popolare.

Se mio padre non paga, devo aspettarmi che pignorino prima o poi, la mia automobile (intestata a me) o beni di mia proprietà come computer, televisione, strumenti musicali o altro che tengo nella nostra abitazione?

Posso lasciare che mio padre si prenda le sue responsabilità per i suoi debiti con Equitalia, o devo preoccuparmene in prima persona se non voglio rimetterci anche io?

Mio padre è attualmente disoccupato, senza automezzi, e con pochi euro sul conto corrente.

E' possibile pagare il debito per la bolletta dei rifiuti solidi, ignorando quelle del canone Rai?

Equitalia e debiti accumulati per TARSU e canone RAI

Equitalia potrà chiederle conto dei debiti accumulati da suo padre, solo dopo la morte di quest'ultimo e solo se lei accetta l’eredità.

Però attenzione. Di solito Equitalia non avvia pignoramenti presso la residenza del debitore. Ma, se questa circostanza dovesse verificarsi, l'ufficiale giudiziario può pignorare tutto quello che trova in casa. Dunque, anche computer, televisione, strumenti musicali o altro che lei tiene nella casa condivisa con il suo genitore.

A meno che lei non riesca a dimostrare, con l'esibizione di fatture, che quei beni non appartengono al debitore.

29 Ottobre 2012 · Genny Manfredi


Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) utilizza il form che trovi più in basso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Se il post è stato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!