Rimborso al mittente di un vaglia postale mai incassato dal beneficiario designato


Argomenti correlati:

Ho fatto un vaglia postale il 21/06/2019 a un parente che in quel momento era detenuto in una casa circondariale pertanto non l’ha mai incassato: non ho potuto subito chiedere alla posta come avere il rimborso perche non riuscivo a trovare la ricevuta, Invece qualche giorno fa l’ho ritrovata: posso ricevere adesso il rimborso e se si come devo fare per averlo?

Il vaglia postale non trasferibile resta in giacenza presso l’ufficio postale, in attesa di incasso da parte del beneficiario, per trenta giorni. Una volta scaduto tale periodo, al mittente arriva un avviso di rimborso con il quale può recarsi presso l’ufficio postale per incassare l’importo versato (escluse le commissioni pagate al momento dell’emissione).

Se, per qualsiasi motivo, non ha mai ricevuto l’avviso di rimborso può rivolgersi, entro due anni dalla data di emissione del vaglia postale, presso un qualsiasi sportello di Poste Italiane con la ricevuta, e chiederne il rimborso compilando un apposito modulo. Poste Italiane verificherà che il vaglia non è stato mai incassato dal beneficiario e disporrà il rimborso al mittente.

5 Gennaio 2021 · Simonetta Folliero



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rimborso al mittente di un vaglia postale mai incassato dal beneficiario designato