Trattenuta in seguito a decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo o accantonamento a cui è obbligato il terzo pignorato


Pignoramento stipendio

Lo scorso anno, giugno 2018, una finanziaria comunica ingiunzione di pagamento alla mia amministrazione (sono dipendente pubblico): nell’agosto del 2018 si svolge l’udienza presso il tribunale che non decide, rinvia a data da destinarsi. Peró l’ufficio finanziario dell’amministrazione decide di trattenere ogni mese una quota dello stipendio, accantonandola come garanzia per la finanziaria. É possibile tutto ció? Ci sono disposizioni di legge che prevedono questi procedimenti?

Se il credito è fondato su cambiale, assegno bancario, assegno circolare, certificato di liquidazione di borsa, o su atto ricevuto da notaio o da altro pubblico ufficiale autorizzato, il giudice, su istanza del ricorrente, ingiunge al debitore di pagare o consegnare senza dilazione, autorizzando in mancanza l’esecuzione provvisoria del decreto e fissando il termine ai soli effetti dell’opposizione.

L’esecuzione provvisoria può essere concessa anche se vi è pericolo di grave pregiudizio nel ritardo, ovvero se il ricorrente produce documentazione sottoscritta dal debitore, comprovante il diritto fatto valere.

E’ quanto prevede l’articolo 642 del codice di procedura civile. Naturalmente, il decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo si riverbera poi sul terzo pignorato (l’amministrazione pubblica da cui lei dipende).

Inoltre, qualora non si tratti di decreto ingiuntivo provvisto di provvisoria esecuzione, l’articolo 546, sempre del codice di procedura civile, dispone che dal giorno in cui gli è stato notificato l’atto di pignoramento, il terzo (l’amministrazione pubblica da cui lei dipende) è soggetto, relativamente alle cose e alle somme da lui dovute e nei limiti dell’importo del credito precettato aumentato della metà, agli obblighi che la legge impone al custode. Insomma, nei confronti del terzo pignorato, gli effetti sostanziali del pignoramento si producono fin dal giorno della notifica, mentre nei confronti del creditore procedente (con la consegna dei prelievi accantonati), si producono solo in seguito al perfezionarsi della procedura giudiziale di accertamento, quantificazione della percentuale di prelievo ed assegnazione delle somme accantonate.

29 Gennaio 2019 · Marzia Ciunfrini

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 297 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Trattenuta in seguito a decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo o accantonamento a cui è obbligato il terzo pignorato. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.