Trasferire la propria residenza su luogo di lavoro – E’ possibile?

Argomenti correlati:

Vi scrivo per porvi una domanda in merito alla possibilità di spostare la mia residenza e il domicilio presso il luogo di lavoro. Attualmente risiedo in una abitazione di mia proprietà per la quale pago un mutuo, ma vorrei cederla in comodato d’uso gratuito alla mia ex compagna e ai nostri figli, per farli vivere in condizioni migliori.

Vorrei sapere se posso trasferire domicilio e residenza presso la mia azienda, ubicata nello stesso comune della suddetta abitazione. Sono titolare di una azienda artigiana e trascorro nel mio laboratorio quasi tutto il mio tempo.

Ci sono delle condizioni particolari da rispettare per fare questo passaggio? Se si, quali?

La residenza di una persona, secondo la previsione dell’articolo 43 del codice civile, è determinata dall’abituale e volontaria dimora in un determinato luogo, che si caratterizza per l’elemento oggettivo della permanenza e per l’elemento soggettivo dell’intenzione di abitarvi stabilmente, rivelata dalle consuetudini di vita e dallo svolgimento delle normali relazioni sociali. Così si è espressa la corte di Cassazione nella sentenza 25726/2011.

Inoltre, secondo la Circolare 8/1995 del Ministero dell’interno, non può essere di ostacolo alla iscrizione anagrafica la natura dell’alloggio, quale ad esempio un fabbricato privo di licenza di abitabilità.

L’unico requisito oggettivo da rispettare è la presenza del dichiarante in occasione di eventuali accessi ispettivi della polizia municipale. Infatti, continua la citata circolare, compito precipuo dell’ufficiale di anagrafe e` quello di accertare la corrispondenza tra quanto dichiarato dal cittadino, cioè l’intenzione di risiedere, nel comune, e l’effettiva presenza abituale dello stesso, che dovrà formare oggetto di apposito accertamento disposto dall’ufficiale di anagrafe, cui spetti esclusivamente la decisione finale – accoglimento o meno – della richiesta di iscrizione anagrafica.

Sull’argomento potrà risultare utile consultare anche questo articolo.

6 Luglio 2020 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cambio residenza presso residenza effettiva dopo precetto
In quanto rappresentante legale di una sas, ho ricevuto un atto di precetto: per prevenire un eventuale pignoramento mobiliare presso la residenza, devo finalmente aggiornare la mia residenza anagrafica, attualmente a casa di mia madre, per trasferirla dove risiedo effettivamente. La mia domanda è che, siccome che gli atti sono stati comunicati anche all'indirizzo di residenza, consegnati dal postino, sapendo dove vivo, al mio indirizzo effettivo (nello stesso comune), non vorrei, una volta trasferita la residenza, rischiare problematiche nella vecchia residenza dove i pochi mobili sono di proprietà di mia madre (pochi, non vivendoci attualmente neanche lei). Se avessi la ...

Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, dimora, sono rilevanti solo nell'ipotesi in cui la notifica non sia stata effettuata nelle mani del destinatario. In pratica la notifica, effettuata direttamente nelle mani del destinatario, in particolare della cartella esattoriale relativa a sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, è legittima, anche se perfezionata in luogo diverso ...

Informazioni riguardo il cambio di residenza
Vorrei sapere se è possibile variare la residenza presso un'abitazione di mia proprietà situata nello stesso comune avendo un reddito zero: il comune può rifiutare questa mia richiesta a causa della mancanza di reddito? Per l'accettazione del cambio di residenza bisogna necessariamente aver attive le utenze (luce, acqua) ed avere i mobili in casa? Infine volevo sapere se per dimora abituale si intende il vivere quasi tutto il giorno nell'abitazione oppure si può anche andarci solo per dormire. Cosa devono controllare per legge i vigili? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Trasferire la propria residenza su luogo di lavoro – E’ possibile?