Da passeggero nella mia auto: coinvolto in un sinistro – Assicurazione deve risarcire i danni per infortuni?


Risarcimento danni, tutela consumatore - assicurazione auto

Tre mesi fa circa, sono stato coinvolto in un sinistro e ho riportato ferite abbastanza serie: io, proprietario dell’auto e contraente della polizza ero seduto al posto del passeggero, mentre guidava mio fratello.

In pratica, mio fratello non si è fermato allo stop è un’auto che sopraggiungeva ci è venuta addosso: dai rilievi è uscito fuori, inoltre, che mio fratello effettuava la guida in stato di ebbrezza alcolica.

Come accennato, ho riportato una grave ferita, più frattura, alla gamba e non sono ancora in grado di camminare bene.

La compagnia assicurativa, però, non solo mi ha negato l’indennizzo per gli infortuni, ma ha anche effettuato rivalsa, volendomi obbligare al pagamento dei danni materiali e fisici dell’altra auto coinvolta nel sinistro.

Tutto ciò, perché, dicono, ho lasciato guidare mio fratello.

E’ legittimo questo modo di operare, posso fare qualcosa?

In materia di circolazione di autoveicoli e diritto al risarcimento, nel diritto dell’Unione Europea rileva la qualità di vittima su quella dell’assicurato-responsabile, per cui se queste due qualità si concentrano nella medesima persona, prevale il diritto dell’assicurato ad ottenere il risarcimento.

Ciò è anche quanto si evince dal pensiero della Corte di Cassazione, la quale, con ordinanza 1269/18, ha chiarito che per il proprietario del veicolo, soggetto assicurato nel contratto di r.c.a., è comunque dovuta l’indennità nel caso in cui egli sia stato vittima di un sinistro come trasportato.

Qualora sia corresponsabile in quanto ha incaricato di guidare la propria auto una persona non idonea, non è comunque data l’azione di rivalsa da parte dell’assicurazione poiché, se fosse ammessa, si verificherebbe il risultato paradossale in cui andrebbe restituito quanto ricevuto a titolo di indennità.

Pertanto, in parole povere, il soggetto assicurato per la guida del mezzo, contemporaneamente passeggero dello stesso al momento del sinistro, si trova in una situazione assimilabile a quella di qualsiasi altro passeggero e tale situazione deve essere posta sullo stesso piano dei terzi vittime dell’incidente.

Dunque, il principio è quello per cui la condizione di passeggero-vittima di un incidente prevale su quella di proprietario-contraente e, perciò, oltre alla possibilità di ottenere l’indennizzo, l’assicurazione non può esercitare il diritto di rivalsa.

13 Marzo 2018 · Andrea Ricciardi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 154 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Da passeggero nella mia auto: coinvolto in un sinistro – Assicurazione deve risarcire i danni per infortuni?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.