Da passeggero nella mia auto: coinvolto in un sinistro - Assicurazione deve risarcire i danni per infortuni?

Tre mesi fa circa, sono stato coinvolto in un sinistro e ho riportato ferite abbastanza serie: io, proprietario dell'auto e contraente della polizza ero seduto al posto del passeggero, mentre guidava mio fratello.

In pratica, mio fratello non si è fermato allo stop è un'auto che sopraggiungeva ci è venuta addosso: dai rilievi è uscito fuori, inoltre, che mio fratello effettuava la guida in stato di ebbrezza alcolica.

Come accennato, ho riportato una grave ferita, più frattura, alla gamba e non sono ancora in grado di camminare bene.

La compagnia assicurativa, però, non solo mi ha negato l'indennizzo per gli infortuni, ma ha anche effettuato rivalsa, volendomi obbligare al pagamento dei danni materiali e fisici dell'altra auto coinvolta nel sinistro.

Tutto ciò, perché, dicono, ho lasciato guidare mio fratello.

E' legittimo questo modo di operare, posso fare qualcosa?

In materia di circolazione di autoveicoli e diritto al risarcimento, nel diritto dell'Unione Europea rileva la qualità di vittima su quella dell'assicurato-responsabile, per cui se queste due qualità si concentrano nella medesima persona, prevale il diritto dell'assicurato ad ottenere il risarcimento.

Ciò è anche quanto si evince dal pensiero della Corte di Cassazione, la quale, con ordinanza 1269/18, ha chiarito che per il proprietario del veicolo, soggetto assicurato nel contratto di r.c.a., è comunque dovuta l'indennità nel caso in cui egli sia stato vittima di un sinistro come trasportato. Qualora sia corresponsabile in quanto ha incaricato di guidare la propria auto una persona non idonea, non è comunque data l'azione di rivalsa da parte dell'assicurazione poiché, se fosse ammessa, si verificherebbe il risultato paradossale in cui andrebbe restituito quanto ricevuto a titolo di indennità.

Pertanto, in parole povere, il soggetto assicurato per la guida del mezzo, contemporaneamente passeggero dello stesso al momento del sinistro, si trova in una situazione assimilabile a quella di qualsiasi altro passeggero e tale situazione deve essere posta sullo stesso piano dei terzi vittime dell'incidente.

Dunque, il principio è quello per cui la condizione di passeggero-vittima di un incidente prevale su quella di proprietario-contraente e, perciò, oltre alla possibilità di ottenere l'indennizzo, l'assicurazione non può esercitare il diritto di rivalsa.

13 marzo 2018 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

rc auto
risarcimento danni
tutela consumatore - assicurazione auto

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assicurazione Responsabilità Civile Auto - Il passeggero terzo trasportato (anche un parente del conducente) ha sempre diritto al risarcimento in caso di sinistro
Esiste una norma finalizzata a tutelare il terzo trasportato, in caso di sinistro, per fargli ottenere nel modo più semplice e veloce possibile, il risarcimento al quale ha diritto. Ricordiamo, per chiarezza, che per terzo trasportato deve intendersi un qualsiasi passeggero che trovi posto sul veicolo coinvolto in un sinistro, ...
Risarcimento dopo sinistro » Non è cumulabile l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa privata con la liquidazione dei danni ottenuta con la tutela rc auto
Nell'ambito di un sinistro stradale, per quanto riguarda la liquidazione per lesioni, in caso si fosse stipulata un'assicurazione contro gli infortuni, non è possibile cumulare l'indennizzo ricevuto dalla compagnia assicurativa con il risarcimento danni nell'ambito della copertura rc auto. In caso di incidente, il danneggiato non può chiedere i danni ...
Rc auto » Scopriamo l'assicurazione a guida esclusiva
Una delle possibilità di risparmio per chi si cimenta nei meandri dei contratti rc auto, è quella che prevede la guida esclusiva. Vediamo di cosa si tratta. Sono sempre di più gli italiani che, per cercare di risparmiare sui premi delle polizze auto, scelgono di approcciare al mondo della tutela ...
Assicurazione RC auto » Il diritto di rivalsa non può essere esercitato nei confronti del contraente che non risulta proprietario del veicolo e non lo conduceva al momento del sinistro
Come è noto, il contratto di assicurazione per la responsabilità civile auto sposta il rischio del sinistro dall'assicurato all'assicuratore: tuttavia, ciò non significa che il responsabile del sinistro e/o il proprietario del veicolo siano esonerati dall'obbligo di risponderne. L'articolo 144 del Codice delle assicurazioni private, infatti, stabilisce che per l'intero ...
Sinistro stradale e risarcimento danni » Non si può sommare indennizzo dell'Inail a quello dell'assicurazione rc auto del danneggiante
In tema di sinistro stradale e risarcimento danni, non si può sommare l'indennizzo corrisposto dall'Inail a quello convenuto dalla compagnia assicurativa con la polizza rc auto. Qualora l'Inail, a seguito di sinistro stradale, abbia provveduto a liquidare al danneggiato una rendita capitalizzata, le somme corrisposte dall'ente previdenziale devono essere detratte ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca