Due debitori solidali - Se uno dei due è costretto a pagare l'intero debito può rivalersi sul debitore inadempiente?

Io ed il mio socio firmammo una scrittura privata con un tizio per la cessione di un bar a corrispettivo della quale furono emessi due assegni personali, ciascuno di 5 mila euro: il mio è stato pagato, quello del mio socio, no.

Dopo tre anni il giudice dice che a causa della scrittura solidale il recupero può essere fatto sia su di me (che ho pagato) sia su di lui (inadempiente). La mia domanda è: anche in relazione a questo precedente quesito, se dovessero rifarsi su di me, io potrò esercitare un diritto di rivalsa nei confronti del mio socio?

Un debito si dice solidale quando i debitori sono più di uno e ciascuno ha l'obbligo di eseguire la prestazione interamente. L'adempimento di un debitore libera anche tutti gli altri.

Nel caso di due condebitori in solido, l'articolo 1299 del codice civile stabilisce che se uno dei due è insolvente, il debitore in solido che ha pagato l'intero debito ha diritto a pretendere la metà dell'esborso dall'altro.

Quindi lei potrò esercitare un diritto di rivalsa nei confronti del suo socio inadempiente.

29 marzo 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

debito solidale

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Debiti ed eredità - I coeredi non sono debitori solidali
La legge stabilisce che i coeredi contribuiscono fra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie, salvo che il testatore abbia altrimenti disposto. Pertanto fra gli eredi non esiste un vincolo di solidarietà e gli stessi sono tenuti a rispondere del debito eventuale del ...
Quando una scrittura privata non autenticata ha data certa
Qualora la scrittura privata non autenticata formi un corpo unico col foglio sul quale è impresso il timbro postale, la data risultante da quest'ultimo è data certa della scrittura, perché la timbratura eseguita in un pubblico ufficio equivale ad attestazione autentica che il documento è stato inviato nel medesimo giorno ...
Il risarcimento dei danni subiti da una società di persone non può essere chiesto dal singolo socio
Qualora vengano posti in essere atti in danno di una società di persone, la legittimazione ad agire per il risarcimento dei danni spetta esclusivamente alla società e non al singolo socio, attesa l'autonomia patrimoniale della società, costituente entità distinta dai soci, con un proprio patrimonio e con una propria capacità ...
Quando Equitalia definisce un soggetto inadempiente - La compensazione diretta delle cartelle esattoriali non pagate con i crediti vantati nei confronti della PA
Com'è noto, la Pubblica Amministrazione, prima di corrispondere a chiunque un importo superiore a diecimila euro, deve inoltrare ad Equitalia una richiesta di verifica della posizione debitoria del beneficiario. La procedura di accertamento, affidata ad Equitalia, si sostanzia nel verificare l'eventuale morosità del beneficiario rispetto all'obbligo di pagamento derivante dalla ...
Se il debitore ammette l'esistenza del debito al creditore cedente, la società di recupero crediti cessionaria non può avvalersi di tale ammissione ma deve provarne comunque l'esistenza
Qualora il creditore, nei cui confronti il debitore abbia ammesso stragiudizialmente l'esistenza del credito (ad esempio con una scrittura privata oppure tramite uno scambio epistolare finalizzato alla ricerca di un accordo sui tempi di rimborso) ceda il credito ad un terzo (tipicamente una società di recupero crediti) quest’ultimo, benché divenuto ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca