Fino a quanti ritardi sono ammessi dalla legge nel pagamento delle rate di rimborso di un prestito?

Io e mio marito purtroppo abbiamo tanti debiti dovuto a problemi famigliari e lavorativi: le buste paga sono ridotte per due cessioni a testa. Per i prestiti abbiamo indietro 3/4 rate ciascuno e i recuperi crediti ci stanno assillando a tutte le ore del giorno e arrivano anche a casa. Nonostante abbiamo illustrato le problematiche. Vorrei sapere alcuni mesi riusciamo a pagare (abbiamo i bollettini) altri mesi no dipende dalle spese delle utenze domestiche. Possono arrivare al pignoramento dello stipendio? Oppure se vedono che paghiamo non fanno nulla?

Se il recupero delle rate in ritardo è stato affidato a terzi, posso solo riferirle che la legge prevede che il creditore può risolvere il contratto di prestito, notificare la Decadenza del Beneficio del Termine (DBT) ed esigere il rientro immediato del capitale residuo in un’unica soluzione se si verificano sette eventi (anche non consecutivi) di ritardo nel pagamento delle rate (articolo 40, comma 2, Testo Unico Bancario).

Si intende per ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

28 Marzo 2018 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La banca può rinunciare ad applicare la decadenza del beneficio del termine ad un debitore inadempiente nel pagamento delle rate di rimborso del prestito?
Vorrei sapere se la DBT può decadere, cioè la banca può decidere di non richiedere più il pagamento in un'unica soluzione del debito totale. Illustro la mia situazione brevemente. Ho un debito di circa 4000 euro con la banca per rate di mutuo non pagate. La banca mi ha inviato la DBT mesi fa e mi intimava di pagare sia 4000 euro di arretrati sia 60.000 euro di debito residuo. Ora con il recupero crediti abbiamo sottoscritto un accordo (accettato dalla banca mi è stato riferito) per pagare il debito residuo in 12 mesi e, naturalmente, la rata del mutuo ...

Spese per esazioni domiciliari mai avvenute addebitate dalla finanziaria in seguito a ritardi nel pagamento delle rate
Ho purtroppo, da circa un anno, problemi per il pagamento delle rate di una carta revolving e di un finanziamento. Da giugno mi vengono addebitati, oltre gli interessi, more, spese varie, sugli e/c dei suddetti rapporti mensilmente 50 euro per spese di esazione domiciliare che però, ad eccezione di una sola volta, non sono mai avvenute o perlomeno dimostrabili in modo certo. Ho chiesto più volte alla finanziaria, tramite diversi canali, di rendermi conto tramite documentazione, quando e chi abbia eseguito queste visite domiciliari, ma la risposta della finanziaria è sempre stata la stessa, si stanno comportando secondo le condizioni ...

Ritardato pagamento delle rate derivanti dall'utilizzo delle carte revolving - Attenzione all'accumulo dei ritardi che determina la risoluzione del contratto di prestito rotativo
Sto ripagando con grande fatica (essendo disoccupato) una carta di credito Bancoposta/Compass Revolving: il problema è che un meccanismo un po' perverso di queste carte di credito, permette pur essendo debitore di continuare a consumare se c'è disponibilità. Per esempio, ieri sera ho speso 160 euro, quindi vorrei sapere se mi conviene ripagare subito entro la fine del mese questa cifra, oppure attendere il loro estratto conto per il mese successivo pagando 160 euro + rata mensile. In questo ultimo caso pagherò degli interessi oppure renderò "semplicemente" più faticoso il rimborso? Lo chiedo perchè non vorrei ritrovarmi in questa assurda ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Fino a quanti ritardi sono ammessi dalla legge nel pagamento delle rate di rimborso di un prestito?