Prescrizione breve bollette luce e gas – Cosa c’è da sapere?


Negli ultimi tempi, tra web e tv, si è sentito parlare di prescrizione breve per le bollette di luce, gas e acqua, ma, in realtà, io non ci ho capito molto.

Quali sono le cose importanti da ricordare?

La prescrizione è il diritto di non pagare quanto dovuto per un bene o un servizio (in questo caso quindi per i consumi di luce gas e acqua) se il titolare, e quindi l’azienda di luce e gas o il gestore idrico, richieda il pagamento oltre un periodo di tempo previsto dalla legge.

Ormai è stabilito che i consumi di luce, gas e acqua si prescrivono in due anni: questo significa che se si riceve una bolletta di conguaglio pluriennale gli importi oltre i due anni dalla data di emissione potranno non essere pagati.

L’applicazione della prescrizione NON è automatica ma va espressamente richiesta al fornitore in forma scritta.

La prescrizione si applica “senza se e senza ma” anche se il distributore di luce e gas o il gestore idrico non hanno rilevato le letture dei contatori nel corso del tempo.

Nel caso, per timore di un distacco o perché non si conosceva la norma, si è pagato quanto non dovuto anche rateizzandolo, è possibile comunque contestarlo e chiedere che venga applicata retroattivamente.

1 Luglio 2021 · Giovanni Napoletano



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione breve bollette luce e gas – Cosa c’è da sapere?