Phishing – In caso di addebiti su conto corrente non autorizzati l’istituto di credito deve rimborsare?

Qualche giorno fa, visualizzando la lista delle operazioni recenti eseguite sul mio conto corrente mi sono accorto di alcuni strani addebiti per dei bonifici eseguiti: ho subito pensato si trattasse di phishing o similiare.

Ciò poiché, innanzitutto Il beneficiario dei bonifici è un soggetto sconosciuto.

La banca non mi ha informato di nulla, ne con sms ne con e-mail.

Per fortuna mi sono accorto di tutto prima che il conto venisse prosciugato.

Se me ne fossi accorto in tempo, grazie ad un avviso, avrei potuto agire prontamente, ad esempio cambiando la password o altro.

Vorrei chiedervi, ho diritto ad un rimborso da parte dell’istituto di credito?

Nell’ipotesi di operazioni effettuate sul conto corrente a mezzo di strumenti elettronici (home banking) è obbligo dell’istituto di credito fornire la prova della riconducibilità degli addebiti al cliente: al contrario, la banca è onerata ad effettuare il rimborso al cliente vittima di una frode telematica (ad esempio phishing).

Ciò è quanto deciso dalla Corte di Cassazione con ordinanza 9158/2018.

In pratica, se il cliente della banca contesta l’esecuzione di un bonifico eseguito sul proprio conto corrente online in favore di un soggetto sconosciuto, spetta all’istituto di credito dimostrare che l’operazione è stata effettivamente eseguita dal cliente stesso e non si tratti, invece, di phishing.

Dunque, al cliente basta contestare mentre spetta all’intermediario (l’istituto di credito) provare che l’operazione è regolare.

In assenza di tale dimostrazione, il correntista ha diritto al rimborso dei soldi prelevati indebitamente.

Pertanto, il cliente che si accorge dell’addebito non autorizzato dovrà innanzitutto presentare una denuncia-querela alla polizia postale.

Dopodiché, allegando una copia della stessa, dovrà spedire alla propria banca una raccomandata a/r con la richiesta di restituzione del maltolto.

La domanda dovrà indicare la data dell’operazione e specificando che l’operazione non è stata mai autorizzata.

24 Aprile 2018 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Duplicazione, clonazione, furto e smarrimento di carte di credito e bancomat - La banca deve rimborsare gli addebiti disconosciuti
Sono molto frequenti i contenziosi con le banche e con Poste Italiane aventi a oggetto gli utilizzi non autorizzati di strumenti di pagamento, con particolare riguardo alle fattispecie di duplicazione, clonazione, furto e smarrimento di carte di credito e, soprattutto, bancomat. In numerose sue decisioni l'Arbitro Bancario Finanziario ha applicato i principi della normativa comunitaria (direttiva europea 2007/64/CE sui servizi di pagamento, comunemente denominata PSD ovvero Payment Services Directive). Ai sensi della normativa vigente, italiana e comunitaria, sul cliente e sulla banca gravano una serie di obblighi di condotta a seguito dell'emissione dello strumento di pagamento quale il bancomat, dovendo ...

In caso di contenzioso per applicazione di interessi anatocistici, la banca deve produrre gli estratti conto a far data dall'apertura del conto corrente
L'approvazione degli estratti conto non implica l'insussistenza di addebiti illegittimi da parte della banca: come è noto, infatti, l'approvazione tacita dell'estratto di conto corrente non si estende alla validità ed efficacia dei rapporti obbligatori sottostanti, ma ha la funzione di certificare la verità storica dei dati riportati nel conto; la mancata contestazione dell'estratto conto e la connessa implicita approvazione delle operazioni in esso annotate riguardano, dunque, solo gli accrediti e gli addebiti considerati nella loro realtà effettuale. Tanto premesso, la giurisprudenza di legittimità ha, in più occasioni, precisato che nei rapporti bancari in conto corrente, una volta che sia stata ...

Phishing » Quando l'istituto di credito deve il risarcimento al proprio cliente?
Il famigerato phishing: molti italiani cadono, spesso, in questa trappola. Ma in sostanza, cos'è il phishing? E ancora, quando avviene, l'istituto di credito è responsabile? In quali casi deve il risarcimento danni al proprio correntista? Con la tecnica fraudolenta del phishing i cyber-criminali riescono ad acquisire i dati dei conti correnti online, il numero di carta di credito, la password dell'home banking, i documenti di identità ecc. Una volta, poi, ottenute queste preziosissime informazioni, le utilizzano per effettuare bonifici a loro favore, ricaricando la propria prepagata oppure effettuando altre operazioni (come acquisti) sotto falsa identità, svuotando, così, il conto corrente ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Phishing – In caso di addebiti su conto corrente non autorizzati l’istituto di credito deve rimborsare?