Pagamento di un assegno bancario o postale – Da quale data si ritiene assolto l’adempimento tardivo?

Ho regolarmente pagato un assegno con le modalità del pagamento tardivo indicate dalla mia banca che mi ha rilasciato le copie. Al destinatario dell’assegno ho consegnato le copie, ma la sua banca BNL dice che serve un mese per accreditare l’importo dell’assegno più il 10%.

Vorrei sapere la tempistica precisa per la chiusura di questa pratica perché non mi sembra corretta l’interpretazione della BNL fornita al beneficiario, che per fortuna crede alla mia documentazione, e non mi sta sollevando ulteriori problemi anche perché non ho atteso i 60 giorni, ma solo 12 per pagare seppure in maniera tardiva.

La banca presso la quale è stato messo all’incasso l’assegno da parte del beneficiario (banca negoziatrice) riceve dalla banca presso la quale il traente (il soggetto che ha emesso l’assegno) detiene il rapporto di conto corrente associato, la comunicazione di impossibilità a pagare l’assegno con le contestuali motivazioni.

La banca del traente, quindi, attende che decorrano i 60 giorni per avviare le procedure previste dalla normativa vigente: ovvero, iscrizione nella Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), revoca di sistema e trasmissione al Prefetto della notizia dell’inadempimento.

Se, tuttavia, entro il termine di 60 giorni che decorrono dalla data di presentazione (in tempo utile, cioè prima della scadenza) dell’assegno all’incasso da parte del beneficiario, il traente mette a disposizione della banca presso la quale detiene il conto corrente da cui è stato tratto l’assegno, l’importo facciale dell’assegno, la penale del 10% e le spese di procedura, allora la banca del traente ricontatta la banca negoziatrice e accredita la somma dovuta come pagamento tardivo in favore del beneficiario.

Gli obblighi del traente, rispetto alle scadenze previste con il pagamento tardivo, vengono così assolti indipendentemente dalla data in cui la banca negoziatrice accredita, effettivamente, quanto dovuto al beneficiario.

Insomma, il traente, che paga in ritardo un assegno non andato a buon fine, deve preoccuparsi esclusivamente di mettere per tempo a disposizione della propria banca i fondi necessari all’adempimento tardivo, così come previsto dalla normativa vigente. Tanto basterà ad evitare iscrizione in CAI, la revoca di sistema, le sanzioni amministrative irrogate dal Prefetto. La data di accredito della somma effettiva al beneficiario (e le eventuali successive problematiche che emergessero nel trasferimento interbancario) non è un dato che lo riguardi.

18 Novembre 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno scoperto - Chi beneficia della penale del 10% in caso di pagamento tardivo se traente e beneficiario sono lo stesso soggetto
In qualità di socio prestatore di una nota cooperativa a livello nazionale ho emesso un assegno di 35 mila euro al fine di effettuare un versamento sul mio libretto prestito sociale. Nel momento in cui la banca ha provato ad incassare l'assegno quest’ultimo risultava scoperto in quanto i soldi erano ancora giacenti nel conto deposito associato al mio conto corrente. Questa mia dimenticanza ha fatto si che l'assegno venisse protestato con conseguente comunicazione da parte della mia banca di preavviso di revoca degli assegni bancari. Mi sarei aspettata quanto meno una telefonata per regolarizzare l'assegno già al primo tentativo di ...

Assegno protestato: costi quietanza autenticata a seguito di pagamento tardivo
Sarei grata se potreste dare riscontro ad un quesito in merito all'ottenimento della quietanza autenticata, a seguito di pagamento tardivo, da inviare alla mia banca e necessaria ai fini della regolarizzazione dell'assegno protestato. La cooperativa beneficiaria dell'assegno mi ha informata telefonicamente che il costo dell'autenticazione della quietanza da parte del loro notaio è una somma non meglio specificata tra i 100 e i 300 euro. Sono a conoscenza che l'art. 8 comma 3 bis della legge 106/2011 prevede la possibilità anche per i funzionari del Comune di autenticare le firme sulle quietanze liberatorie. Considerato che le spese sono a mio ...

Ordine di revoca del pagamento per assegno bancario o postale - Istruzioni per l'uso e controindicazioni
La legge stabilisce che l'ordine di non pagare l'importo facciale dell'assegno bancario, o postale, ha effetto solo dopo che sia spirato il termine di presentazione. La norma ha la doppia funzione di garantire la conservazione della provvista, a tutela dell'affidamento del beneficiario, quanto meno fino alla scadenza del termine di presentazione, e di consentire al traente, scaduto tale termine, di riacquistare la libertà di disporre della provvista, potendo l'assegno essere pagato anche successivamente alla scadenza di esso. Il trattario (la banca o Poste Italiane), sulla base del dettato normativo è libero di pagare l'assegno prima della scadenza del termine di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pagamento di un assegno bancario o postale – Da quale data si ritiene assolto l’adempimento tardivo?