Fondo patrimoniale per salvare la mia casa dai creditori - E' possibile?

Sono preoccupato a causa di numerosi debiti accumulati con fornitori e finanziarie a causa di un'attività lavorativa andata male.

Così, io e mia moglie stavamo pensando di inserire la nostra casa di proprietà (unica cosa che possediamo) in un fondo patrimoniale.

Vorrei sapere, dato che le espropriazioni non sono cominciate ed ancora non è stata iscritta ipoteca, quante possibilità ho di salvare l'immobile dai creditori?

Innanzitutto, la recente legge 83/2015, concede al creditore il potere di pignorare i beni immobili, o i mobili registrati (auto, motocicli, ecc.), del debitore nonostante quest’ultimo li abbia in precedenza donati a terzi o vi abbia costituito un vincolo di indisponibilità (ad esempio fondo patrimoniale).

Praticamente, il creditore può ugualmente far valere il suo pignoramento, benché successivo alla cessione del bene, senza neanche bisogno di ottenere prima una sentenza che renda inefficace l'atto (cosiddetta causa di revocatoria ordinaria).

Ciò vuol dire, in pratica, che tutti gli atti posti dal debitore come donazioni, fondi patrimoniali o trust sono vacillanti per un anno dal loro compimento, poiché, entro tale termine, il creditore può sempre intervenire ed espropriarli.

Affinché, tuttavia, il creditore possa procedere al pignoramento sui beni del debitore su cui vi abbia costituito un vincolo di indisponibilità, occorrono tutti i seguenti requisiti:

  1. l'atto del debitore deve essere:
    • pregiudizievole per il creditore: in altre parole, il debitore non deve possedere altri beni su cui il creditore possa, pignorandoli, recuperare quanto gli spetta;
    • compiuto a titolo gratuito dopo il sorgere del diritto di credito.
  2. il creditore deve:
    • essere munito di titolo esecutivo (una sentenza, un decreto ingiuntivo non opposto, un assegno, una cambiale, un atto notarile come un mutuo, un attestato di credito della SIAE, una cartella esattoriale, un accertamento dell'Agenzia delle Entrate, ecc.)
    • aver trascritto l'atto di pignoramento entro un anno dalla trascrizione dell'atto del debitore.

Tale norma si applica anche al creditore che, entro un anno dalla trascrizione dell'atto pregiudizievole, interviene nell'esecuzione promossa da un altro creditore.

Spirato tale termine il creditore, dovrà, invece prima agire con la revocatoria.

Se si tratta di debiti anteriori alla costituzione del fondo, infatti, il creditore potrebbe esperire l'azione revocatoria fallimentare (entro due anni dalla costituzione del fondo) oppure l'azione revocatoria ordinaria (entro cinque anni, ricorrendone i presupposti), sostenendo che il fondo è stato costituito fraudolentemente per sottrarre i beni all'esecuzione forzata.

Il fondo, quindi, non può essere utilizzato per sottrarsi al pagamento di debiti già contratti.

Infine, va detto che i beni inseriti in un fondo patrimoniale sono inespropriabili esclusivamente quando le obbligazioni sono state contratte per scopi estranei ai beni della famiglia.

Ora, fino ad oggi, le obbligazioni nascenti dall'attività imprenditoriale di uno dei due coniugi non erano intese come spese volte al mantenimento e allo sviluppo economico della famiglia e, quindi, i relativi creditori non potevano soddisfarsi sul fondo patrimoniale.

Recentemente, però, la giurisprudenza di legittimità ha fornito un'interpretazione più estensiva della nozione, ricomprendendo in tali bisogni anche quelle esigenze volte al pieno mantenimento ed all'armonico sviluppo della famiglia, nonché al potenziamento della sua capacità lavorativa, restando escluse solo le esigenze voluttuarie o caratterizzate da intenti meramente speculativi.

Pertanto ad oggi, per la povera gente come noi, la costituzione di un fondo patrimoniale non serve praticamente a nulla.

Gli intenti speculativi, infatti, come un investimento mal riuscito, sono situazione difficilmente verificabili, dato che gli Italiani fanno già fatica ad arrivare a fine mese tra bollette e altre spese necessarie alla sopravvivenza.

21 novembre 2017 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

fondo patrimoniale e trust

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fondo patrimoniale e ipoteca sul bene incluso
Efficacia dell'inclusione nel fondo patrimoniale di un bene oggetto di iscrizione ipotecaria effettuata in data antecedente a quella di costituzione del fondo Il fondo patrimoniale non tutela i beni in esso inclusi con efficacia retroattiva. Ad esempio, nel caso di acquisto di un immobile con mutuo ipotecario, l'inserimento dell'immobile in ...
Pignoramento di un immobile inserito in un fondo patrimoniale » Rientrano fra i bisogni della famiglia le bollette condominiali
Può essere disposto il pignoramento per una casa, inserita in un fondo patrimoniale, a causa di debiti contratti per oneri condominiali non corrisposti. Sono soggetti a esecuzione forzata i beni del fondo patrimoniale in caso di debiti contratti per i bisogni della famiglia tra i quali rientra il mancato pagamento ...
Fondo patrimoniale » Non sempre può essere opposto ad Equitalia
Quali sono i casi in cui un fondo patrimoniale può essere opposto ad Equitalia in occasione di un'iscrizione ipotecaria o di un pignoramento d'immobile? La costituzione del fondo patrimoniale prevista dall'articolo 167 del codice civile, così come stabilito dall'articolo 162 del codice civile per tutte le convenzioni matrimoniali, è opponibile ...
Equitalia » Ecco quando può iscrivere ipoteca sui beni inseriti in un fondo patrimoniale
Per poter stabilire il momento della certezza del credito e la possibilità, per Equitalia, di poter iscrivere l'ipoteca sulla casa inserita in un fondo patrimoniale, si deve vedere quando l'accertamento fiscale è divenuto definitivo. L'agente della riscossione, come ad esempio Equitalia, ha la possibilità di iscrivere l'ipoteca sui beni immobili ...
Fondo patrimoniale e separazione legale dei coniugi
Condizione necessaria per la costituzione del fondo è, come sappiamo, l'esistenza di un regolare matrimonio fra i soggetti costituenti. La semplice separazione legale non comporta la cessazione degli effetti verso terzi della costituzione del fondo patrimoniale. Solo lo scioglimento del matrimonio (per decesso o annullamento) o la cessazione dello stesso ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca