Due rate di ritardo e minaccia di denuncia per truffa

Ho preso un prestito personale di 5000 euro con Deutsche Bank tramite Poste Italiane: oggi mi chiama una signorina di Cribis Teleservice e con piglio deciso al limite del maleducato mi dice che, se entro il 31 luglio non pago le due rate in arretrato verrò segnalato in crif, denunciato per truffa e contattato da Poste Italiane per estinguere immediatamente il prestito.

Ho spiegato che è mia intenzione pagare ma che riscuotendo il 10 di agosto e lavorando solo io in quanto mia moglie è disoccupata, per me trovare 225 euro entro domani è impossibile. Voglio capire se sono minacce concrete (sono un libero professionista a partita iva e una denuncia per truffa sarebbe una rovina) o se posso pagare le due rate scadute il 27 di agosto assieme alla rata del mese.

Il creditore può eccepire la risoluzione del contratto per il ritardato pagamento delle rate per almeno sette volte, anche non consecutive. A tal fine costituisce ritardato pagamento quello effettuato tra il trentesimo e il centottantesimo giorno dalla scadenza della rata.

La risoluzione del contratto comporta la decadenza del beneficio del termine (DBT) e la contestuale richiesta del rimborso del capitale residuo in un'unica soluzione.

Quando si è pagato in ritardo due rate del prestito il creditore può segnalare l'evento nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) e/o in altre Centrali Rischi private (CTC, Experian) a cui risulta associato. La cancellazione della segnalazione avviene decorsi 12 mesi dalla regolarizzazione della posizione.

Quando si è pagato in ritardo più di due rate del prestito (e meno di sette per quanto riportato in apertura del post) il creditore può segnalare l'evento nella Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF) e/o in altre Centrali Rischi private (CTC, Experian) a cui risulta associato. La cancellazione della segnalazione avviene decorsi 24 mesi dalla regolarizzazione della posizione.

Questo è quanto! Per il resto, checché ne dica la solerte operatrice che l'ha contattata, non risulta ancora essere prevista la denuncia per truffa per il reato di omesso o ritardato pagamento delle rate di un prestito. Il creditore, per poter supportare una denuncia per truffa senza rischio di pesanti conseguenze, dovrebbe dimostrare che il prestito è stato chiesto ed ottenuto con la consapevole e premeditata intenzione di non rimborsarlo.

30 luglio 2015 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ritardo pagamento rate prestito

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Falsificazione di assegni postali rilevabile ad occhio nudo - Per il pagamento è responsabile Poste Italiane anche se il cliente omette la denuncia tempestiva
In ipotesi di pagamento di assegni postali a firma apocrifa, Poste Italiane è da ritenersi responsabile quando l'alterazione del titolo sia rilevabile ad occhio nudo, in base alle conoscenze del soggetto professionale di diligenza media, che non possiede, al momento della presentazione del titolo, particolari attrezzature strumentali o chimiche per ...
Consolidamento debiti – estinguere i vecchi debiti, unificare le rate e pagare di meno
Ah, le rate di fine mese! Quante sono le famiglie italiane che mensilmente fanno i conti con i debiti da pagare? Il mutuo, l'automobile, ma anche il televisore o più banalmente l'ultima settimana di vacanza in montagna. Piccoli e grandi prestiti che si sommano a fine mese in altrettanto piccole ...
Non pagare un debito » Quando l'inadempimento può configurare il reato di insolvenza fraudolenta o quello più grave di truffa
E' bene sapere che quando il debitore non rimborsa un prestito, la mancata restituzione di quanto ricevuto può anche comportare un reato penale, così come hanno spiegato i giudici della sezione penale della Corte di cassazione che hanno tentato di tracciare i confini tra la truffa, l'insolvenza fraudolenta ed il ...
Vendi auto a prezzo maggiorato dopo aver manomesso contachilometri? » E' truffa
Rischia una condanna per truffa chi vende un'auto a un prezzo superiore facendo risultare il chilometraggio più basso. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, sezione penale, la quale, con la pronuncia 38085 del 17.09.13, ha sancito che: E' responsabile del reato di truffa, ai sensi dell'ex ...
Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca