Dl sostegni – Congedi per genitori e bonus baby sitting


Argomenti correlati:

Vorrei sapere se nel decreto legge sostegni c’è qualche paragrafo che parla di incentivi per genitori, come i congedi e i bonus baby sitting.

Potrei avere informazioni?

Il decreto legge sostegni varato pochi giorni fa dal governo ha varato, e confermato, alcuni incentivi volti a sostenere i genitori in questo periodo di pandemia da Covid-19.

Il genitore – lavoratore dipendente – del figlio convivente minore di anni 16 può svolgere la propria attività in modalità agile, a distanza, alternativamente all’altro genitore:

  • per la durata della sospensione dell’attività didattica in presenza del figlio;
  • per la durata dell’infezione da Covid del figlio;
  • per la durata della quarantena del figlio disposta dalla ASL a seguito di contatto ovunque avvenuto.

Se il lavoro non può svolgersi in modalità a distanza:

  • il genitore-lavoratore dipendente del figlio convivente minore di anni 14, in alternativa all’altro genitore, può astenersi dall’attività lavorativa negli stessi casi detti sopra. Stessa cosa per i genitori di figlio disabili o in situazione di gravità accertata ai sensi della Legge 104/1992 iscritti a scuole di ogni ordine e grado per i quali la didattica in presenza sia stata sospesa o ospitati in centri diurni chiusi. Per i periodi di astensione è corrisposta un’indennità del 50% della retribuzione.
  • Il genitore-lavoratore dipendente del figlio convivente avente età compresa tra i 14 e i 16 anni può, alternativamente all’altro, astenersi dal lavoro senza corresponsione di retribuzione ma con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro.

Altri tipi di lavoratori con figli minori di anni 14 possono fruire, nei casi già visti, di un bonus per l’acquisto di servizi di baby sitting nel limite massimo complessivo di 100 euro settimanali.

Si tratta di lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, lavoratori autonomi, personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico, impiegato per le esigenze connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato, appartenenti alla categoria dei medici, degli infermieri, dei tecnici di laboratorio biomedico, dei tecnici di radiologia medica e degli operatori socio-sanitari.

Il bonus è erogato nel libretto di famiglia INPS o direttamente al lavoratore per la comprovata iscrizione ai centri estivi o ai servizi integrativi per l’infanzia, ai servizi socio-educativi territoriali, ai centri con funzione educativa e ricreativa e ai servizi integrativi o innovativi per la prima infanzia.

Il bonus è riconosciuto anche ai lavoratori autonomi non iscritti all’INPS, subordinatamente alla comunicazione da parte delle rispettive casse previdenziali del numero dei beneficiari.

2 Aprile 2021 · Marzia Ciunfrini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?