Bonus baby sitting e libretto famiglia


Argomenti correlati:

Mia figlia lavora come colf/babysitter con contratto indeterminato di 25 ore settimanali: a marzo aprile e questi giorni di maggio il datore gli ha detto di starsene a casa e gli ha corrisposto metà stipendio. Adesso preme con insistenza che mia figlia apra sul sito Inps il cd libretto famiglia per poi richiedere il bonus covid che da 600 e’ stato portato a 1200 euro.Il sito e’ bloccato e cmq il bonus e’ legato all esaurimento fondi.Ma se ho capito bene sono soldi virtuali che utilizzerà il datore di lavoro per pagare mia figlia o entrano a mia figlia direttamente da Inps? Potreste spiegarmelo in parole molto semplici?

Il libretto famiglia può servire a sua figlia per ottenere dall’utilizzatore (il datore di lavoro) il corrispettivo per prestazioni occasionali di baby sitting. Il datore di lavoro potrà versare sul libretto di famiglia nominativo, intestato a sua figlia, tanti titoli di pagamento (voucher), ciascuno del valore di 10 euro, per ogni ora, o frazione di ora, di servizio prestato.

Tuttavia, a tutela dei diritti di sua figlia, non sarebbe possibile fare ricorso a prestazioni di lavoro occasionali rese da lavoratori (nel caso sua figlia, in qualità di baby sitter) con i quali l’utilizzatore (nella specie il datore di lavoro di sua figlia) abbia in corso, o abbia avuto negli ultimi sei mesi, un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione coordinata e continuativa. Ed inoltre, per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, non possono essere erogati compensi di importo superiore a 2.500 euro.

Nell’ambito del bonus baby sitting, il libretto famiglia ha una sua specifica funzione: infatti, il datore di lavoro che abbia rinunciato al congedo parentale Covid-19, potrà presentare, avendone i requisiti, domanda per ottenere il bonus baby sitting e con i 600 euro del contributo pagherà i servizi resi da sua figlia accreditando il corrispettivo (in voucher da 10 euro) sul libretto di famiglia a lei intestato.

La procedura, evidentemente, è finalizzata a fare in modo che il bonus baby sitting venga effettivamente speso, dal beneficiario, per i servizi resi da una baby sitter.

22 Maggio 2020 · Lilla De Angelis



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?