Disdire contratto con impresa edile per sottoscriverne uno nuovo con altra ditta

Argomenti correlati:

Ho sottoscritto in questi giorni contratto con impresa edile per ristrutturazione casa (i lavori partiranno a marzo poiché impresa edile deve ottenere nulla osta ANAS).

Altra ditta , più affidabile e capace, mi ha sottoposto preventivo migliore e con interventi maggiormente performanti (che però ha tardato a consegnare).

Purtroppo il problema l’ho indirettamente creato io poiché sono stata frettolosa e non ho aspettato preventivo seconda impresa (interpellata successivamente alla prima).

Cosa succede se revoco contratto già firmato con prima Impresa (non registrato)? Può essa chiedermi danni, oltre al compenso per predisposizione nulla osta ANAS? (ovvero per la sola attività svolta).

Innanzitutto, bisogna verificare se nelle clausole del contratto sottoscritto è previsa la rescissione unilaterale del contratto: a volte, è previsto che il recesso comporti il pagamento di un corrispettivo per esercitare il diritto di recesso. La parte può riservarsi, cioè, il diritto di recedere pagando una somma alla controparte (caparra penitenziale) oppure promettendo di pagarla (multa penitenziale).

Altrimenti, la rescissione unilaterale del contratto (senza l’obbligo di risarcire l’altro contraente), da chiedere al giudice, può essere invocata solo quando vi è sproporzione tra la prestazione di una parte e quella dell’altra e la sproporzione è dipesa dallo stato di bisogno di una parte.

Esclusa questa condizione, il suggerimento è quello di preavvisare alla controparte dell’intenzione di rescindere il contratto e applicare la rescissione con un accordo consensuale, in conformità al disposto dell’articolo 1671 del codice civile, secondo il quale il committente può recedere liberamente dal contratto, anche se è stata iniziata l’esecuzione dell’opera o la prestazione del servizio, purché tenga indenne l’appaltatore delle spese sostenute, dei lavori eseguiti e del mancato guadagno.

Vale, a proposito, citare la massima della sentenza 9132/2012 della Suprema Corte di cassazione: in ipotesi di recesso unilaterale del committente dal contratto d’appalto, ai sensi dell’articolo 1671 del codice civile, grava sull’appaltatore, che chiede di essere indennizzato del mancato guadagno, l’onere di dimostrare quale sarebbe stato l’utile netto da lui conseguibile con l’esecuzione delle opere appaltate, costituito dalla differenza tra il pattuito prezzo globale dell’appalto e le spese che si sarebbero rese necessarie per la realizzazione delle opere, restando salva per il committente la facoltà di provare che l’interruzione dell’appalto non ha impedito all’appaltatore di realizzare guadagni sostitutivi ovvero gli ha procurato vantaggi diversi.

Può risultare utile, nel contesto descritto, anche il riferimento a quanto stabilito dai giudici di legittimità con la pronuncia 11642/2003, secondo i quali, il diritto di recesso esercitabile dal committente in qualsiasi momento dell’esecuzione del contratto di appalto non presuppone necessariamente uno stato di regolare svolgimento del rapporto, ma, al contrario, stante l’ampiezza di formulazione della norma di cui all’articolo 1671 del codice civile, può essere esercitato per qualsiasi ragione che induca il committente medesimo a porre fine al rapporto, non essendo configurabile un diritto dell’appaltatore a proseguire nell’esecuzione dell’opera (avendo egli diritto solo all’indennizzo previsto dalla norma). Ne consegue che il recesso può essere giustificato anche dalla sfiducia verso l’appaltatore per fatti d’inadempimento, e, poiché il contratto si scioglie esclusivamente per effetto dell’unilaterale iniziativa del recedente, non è in tal caso necessaria alcuna indagine sull’importanza dell’inadempimento, viceversa dovuta quando il committente richiede anche il risarcimento del danno per l’inadempimento già verificatosi al momento del recesso.

4 Novembre 2019 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratto luce chiuso ma ultime bollette da pagare - Quali conseguenze per l'intestatario e per il nuovo inquilino?
Abitavo in una casa a Milano con altre due persone, di comune accordo mi sono fatta intestare il contratto di luce e gas, poi causa litigi io ho lasciato l'appartamento dalla disperazione, dicendo a loro ripetutamente di cambiare il contratto. Il contratto alla fine l'hanno modificato ma non hanno pagato le ultime bollette. Ora la società che forniva luce e gas mi ha chiamato dicendo che ha pure spedito delle lettere (io non abito più li non ho ricevuto nulla e le coinquiline se ne sono fregate di avvisare) e che ci sono tre bollette da pagare, le ultime. Volevo ...

In un impresa famigliare cosa possono pignorare al collaboratore senza reddito
In un'impresa familiare di autotrasporto la moglie amministra l'impresa e lavora come dipendente part-time da un altra parte e si accolla tutto il reddito d'impresa. Il marito collaboratore e autista guida il camion dell'azienda. Che cosa possono pignorare al collaboratore senza reddito. ...

Impresa familiare e trattamento fiscale - Come funziona
Nel regolare i rapporti tra titolare dell'impresa familiare e suoi collaboratori, parenti e affini, quando tra questi non sia stato configurato un diverso rapporto (quale prestazione di lavoro subordinato, società, associazione in partecipazione o comunione di azienda), Il Codice civile (articolo 230 bis) prevede che ai collaboratori che prestino la loro attività lavorativa in modo continuativo nella famiglia o nell'impresa familiare sia riconosciuto il diritto a partecipare agli utili dell'impresa familiare, ai beni acquistati con essa e agli incrementi dell'azienda, anche in ordine all'avviamento. Ciononostante, l'impresa familiare ha natura individuale e non collettiva (associativa) e, quindi, è imprenditore unicamente il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Disdire contratto con impresa edile per sottoscriverne uno nuovo con altra ditta