Costituzione in mora: è valida se non inviata al domicilio del debitore?


Mia suocera ha ricevuto una lettera, via posta ordinaria, di una costituzione in mora per mio marito. Premesso che mio marito non risiede più con i suoi genitori da 8 anni, è valida tale costituzione?

Inoltre il mittente della lettera è una società di Roma di cui mio marito non ha mai sentito parlare. Cosa dobbiamo fare? Possiamo ignorarla o dobbiamo metterci in contatto con la società scrivente?

E’ come se la comunicazione non fosse mai stata ricevuta. E, dunque, ci si comporta di conseguenza.

15 Giugno 2012 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Costituzione in mora: è valida se non inviata al domicilio del debitore?