Coronavirus – Quando ritorneremo negli stadi e in discoteca?


Emergenza coronavirus o virus covid19

In merito all’emergenza Coronavirus e alle misure di contenimento, vorrei sapere se ci sarà un ritorno alla normalità, anche per quanto riguarda i locali di aggregazione, come gli stadi e le discoteche.

Cosa è stato deciso?

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha firmato il nuovo Dpcm contenente una serie di provvedimenti contro la diffusione dell’epidemia di coronavirus: le disposizioni varranno fino al 7 ottobre 2020.

Vengono ratificate le misure anti-contagio che il governo aveva previsto nello scorso Consiglio dei ministri del 7 agosto, in scadenza oggi: si conferma quindi l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto dalle 18 alle 6 e il divieto di assembramento.

Bisognerà continuare a rispettare il metro di distanza, le discoteche rimarranno chiuse e le partite di calcio proseguiranno a porte chiuse, senza pubblico.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, la capienza massima dei mezzi è fissata all’80%. Dovranno essere garantiti efficaci sistemi di aerazione e ricambio dell’aria. A bordo rimane obbligatoria la mascherina.

Nel nuovo Dpcm sono però contenuti degli aggiornamenti ad hoc per la scuola, anche per quanto riguarda proprio i trasporti.

In particolare si stabilisce che negli scuolabus potrà essere derogato il tetto dell’80%, a patto che il viaggio duri meno di 15 minuti.

Sempre in tema scuola, sono presenti delle “indicazioni operative per la gestione di casi e focolai di SARS-CoV-2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia”.

Confermato anche il divieto di ingresso per chi arriva dai Paesi inseriti nella black list, che al momento sono:  Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del Nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica Dominicana, Serbia, Montenegro e Kosovo.

Le coppie che vivono in Stati diversi e che fino a oggi non si sono potute incontrare, ora avranno la possibilità di farlo. Il nuovo Dpcm permette infatti ai partner che vivono in Paesi diversi di ricongiungersi, consentendo l’ingresso per raggiungere il domicilio, l’abitazione e la residenza di una persona, anche non convivente, con la quale vi sia una stabile relazione affettiva.

9 Settembre 2020 · Andrea Ricciardi

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: 


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 223 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Coronavirus – Quando ritorneremo negli stadi e in discoteca?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.